Pineda: “A Udine fui trattenuto controvoglia. Quel calcio non mi piaceva più”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” è intervenuto Mauricio Pineda, ex giocatore bianconero

di Redazione

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” è intervenuto Mauricio Pineda, ex giocatore bianconero

“Perché non ho fatto bene in Italia? Sono arrivato in Italia dal Boca e dopo aver giocato i mondiali in Francia, poi sono successe tante cose, avevo 22 anni, sono andato a Udine in prestito, ma a fine anno non volevo restare in Italia, sarei voluto tornare in Argentina. Avevo un contratto con un’opzione di riscatto a favore dell’Udinese. Dopo il Mondiale non volevo tornare, non avevo voglia di stare lì, ma fui costretto. Poi mi trasferì a Maiorca e lì mi sono fatto male.

Sono andato a Napoli e ho vissuto 8-9 mesi molto belli, sono poi tornato a Udine per poi andare a Cagliari e infine sono tornato in Argentina e ho lasciato il calcio a soli 29 anni, giovane ma triste per quello che era il calcio in quel momento. Non mi piaceva più quello che era diventato, e per un giocatore è difficile esprimersi al meglio se in testa ha tutti questi pensieri”.

 

 

FONTE Gonfialarete.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy