Messaggero Veneto: Tesser ora studia il turnover per difendere il fortino Friuli

Messaggero Veneto: Tesser ora studia il turnover per difendere il fortino Friuli

Il Pordenone domani in casa per tornare alla vittoria con la capolista Benevento
Il tecnico valuta Ciurria e Monachello che a Livorno sono partiti dalla panchina

di Redazione

L’analisi del Messaggero Veneto sul Pordenone.

Un ko duro da digerire, soprattutto per quanto fatto nella ripresa: sul 2-1 Zima ha compiuto due interventi che hanno salvato il risultato. Ma il Pordenone non può e non deve pensare troppo al passato. La squadra di Tesser deve archiviare il ko di Livorno, il secondo consecutivo in trasferta, per prepararsi al meglio alla gara di domani col Benevento, che dopo aver vinto a Cosenza è la nuova capolista della serie B. Dopo quattro giornate, il gruppo di Filippo Inzaghi comanda il campionato e arriverà allo stadio Friuli per cercare di rinforzare la propria leadership: per questo i neroverdi devono subito guardare avanti, di fronte c’è un avversario tosto e inoltre possono subito riscattarsi.IL KO IN TOSCANAÈ tuttavia lecito riflettere su cosa ha lasciato alla squadra l’incontro dell’Ardenza. Il Pordenone, anche stavolta, ha dimostrato di rimanere sempre in partita. Nel primo tempo ha subìto la forza e la foga del Livorno, obbligato a fare risultato per riscattare tre partite senza successi. L’avversario era nelle condizioni ideali per dare tutto e disputare una frazione di grandi contenuti agonistici e, non a caso, ha trovato il gol del vantaggio. Ciononostante, la squadra di Tesser è riuscita a rimanere in piedi, incassando solo una rete e lasciandosi la possibilità di reagire nella ripresa: un aspetto che si è verificato immediatamente e che si è materializzato nel gol dell’1-1 di Strizzolo, giunto quando il Livorno aveva smarrito una parte del proprio impeto. Dopodiché – va detto – i toscani sono riusciti a tornare avanti ma, successivamente, il Pordenone è stato nuovamente capace di attaccare e di sfiorare il 2-2 con Chiaretti e Monachello, entrati col giusto spirito dalla panchina. La squadra, insomma, c’è, lotta, è viva. E grazie a Strizzolo ha trovato il primo centro con un attaccante nel corso della stagione. Deve però migliorare ancora in alcuni aspetti, soprattutto nella tenuta difensiva quando gioca lontano dal Friuli. Delle sei reti incassate sinora, il Pordenone le ha subite tutte in trasferta: 4 a Pescara e 2 a Livorno. Questo può significare che Barison e compagni soffrono quando il rivale è costretto a fare la partita, a cercare il risultato. (…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy