Messaggero Veneto: Un Pordenone eroico Primo pari esterno in nove contro undici

Messaggero Veneto: Un Pordenone eroico Primo pari esterno in nove contro undici

Risultato storico al Bentegodi. Segna Strizzolo, che viene espulso come Chiaretti
Chievo in gol con Djordjevic, poi però imbrigliato dai determinatissimi neroverdi

di Redazione

L’analisi del Messaggero Veneto sul Pordenone:

Eroico. Non si può definire in altro modo il Pordenone, che esce dal glorioso Bentegodi di Verona con il primo, storico punto in trasferta in serie B al termine di una battaglia condotta in nove uomini per quasi 40 minuti della ripresa, a causa delle espulsioni – entrambe davvero fiscali, soprattutto la seconda – di Strizzolo e Chiaretti. Un pareggio ottenuto anche con un pizzico di fortuna, ma strameritato per la determinazione dimostrata, e poco conta se il Chievo da nove mesi non riesce a vincere in casa: i gialloblù nella passata stagione erano in A e i neopromossi neroverdi li hanno imbrigliati con forza fisica, intensità e la solita bravura tattica di mister Tesser.rimaneggiatiE nonostante una formazione rimaneggiata. Sì, perché il tecnico neroverde deve rinunciare alla “stella” Pobega, affaticamento muscolare e in extremis anche al difensore-goleador Barison, problema intestinale nel riscaldamento: al suo posto Bassoli al centro della difesa con Camporese. Davanti, con Chiaretti trequartista, ci sono Strizzolo e Monachello. Il primo squillo è dei padroni di casa una manciata di secondi dopo il fischio d’inizio, con un cross dalla trequarti di Garritano e Rodriguez che arriva di un soffio in ritardo. Pordenone timido in avvio, ma che si rinfranca subito, conquistando tre angoli consecutivi, sul primo dei quali ci vuole una miracolosa deviazione sulla linea di Dickmann per evitare il gol ravvicinato di Strizzolo. E poco dopo i neroverdi passano: Monachello batte una punizione a sorpresa per Chiaretti, che sfrutta la difesa mal piazzata del Chievo e crossa per la testa di Strizzolo, il quale pizzica il pallone quanto basta per beffare Semper all’angolino.reazioneSuperato lo shock, il Chievo ricomincia a macinare gioco e al 20′ va vicinissimo al pareggio, grazie a una splendida azione in velocità di Rodriguez, che assiste Djordjevic, in quale entra di forza in area, si presenta a tu per tu con Di Gregorio, ma il portierone neroverde sceglie ottimamente il tempo dell’uscita. I ramarri soffrono la pressione costante degli scaligeri, Gavazzi e Pasa non riescono a fare filtro. Il Pordenone soffre e affida le saltuarie ripartenze alla verve di un Monachello finalmente attivo e convincente: in crescita l’ intesa con Strizzolo. Pian piano l’undici di Tesser si compatta.in trinceaLa ripresa è un’altra partita: Strizzolo, ammonito per un fallo tattico nel finale del primo tempo, becca un altro giallo per un eccesso di agonismo a centrocampo ai danni di Esposito (…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy