Pordenone, ovazione dei tifosi per l’esordio di Stefani

Pordenone, ovazione dei tifosi per l’esordio di Stefani

Contro il Trapani il capitano della promozione ha debuttato in Serie B

di Redazione

L’ovazione che ha accolto il suo ingresso in campo rende bene l’idea: Mirko Stefani rimane il beniamino dei tifosi del Pordenone. Il capitano della promozione ieri, domenica 3 novembre, ha fatto l’esordio in Serie B nei minuti finali del match col Trapani: lo stadio lo ha applaudito, chi ama i colori neroverdi non dimentica – e non dimenticherà – quanto il difensore ha fatto per la maglia dei ramarri.

Concetto reso perfettamente dal presidente Mauro Lovisa nella sala stampa del Friuli. “Mi fa piacere che il mister abbia messo in campo Stefani – ha detto -. È una persona speciale e un capitano straordinario, era emozionatissimo. È un ragazzo serio, importante nello spogliatoio, che vogliamo rimanga qui a lungo”. Desiderio, come si è appurato domenica, condiviso dal popolo neroverde, per il quale Stefani è un’icona.

“Ho solo pensato ad allenarmi bene e a farmi trovare pronto. Sono contento per il mio esordio e per il risultato della squadra – ha detto Stefani ai microfoni dei giornalisti dopo la partita -. Sono arrivato dopo il ripescaggio in Serie C, è stato un viaggio lungo. Nessuno se lo sarebbe aspettato 5 anni fa, ma è il bello del calcio. Una vera e propria favola, anche se nessuno ci ha regalato niente, anzi, forse ci è stato anche tolto qualcosa”.

“Se siamo dove siamo gran parte del merito è della società, del presidente e dei soci. È merito loro se possiamo pensare solo a fare i calciatori e a fare bene. Mi mancava solo la Serie B e sono contento di aver potuto esordire. So che posso dare ancora tanto alla causa neroverde, quindi rimango positivo sapendo che c’è ancora strada da fare. Dedico questo esordio alla mia famiglia: mia moglie, i bimbi e i miei genitori”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy