Juve, invasione di insopportabili gobbi, Damato. Eppure saremo lì a tifare

Noi ci faremo rispettare, voi cercate di fare almeno altrettanto

di Paolo Minotti

Già è difficile così, con una Juve che arriva da prima in classifica che non ha alcuna intenzione di mollare la presa, poi l’invasione dei suoi numerosissimi  tifosi, ed infine la notizia che questa sfida sarà diretta da Damato. Una vera mazzata.

Le speranze per questa Udinese sono davvero ridotte al lumicino, d’altronde con sei sconfitte nelle ultime otto partite c’è ben poco da stare sereni e pensare positivo, la squadra di Delneri è ripiombata nell’anonimato e tra i tifosi si è insidiato un certo malumore. Eppure saremo lì, a tifare, a sostenere la squadra, a difendere i nostri colori e il nostro stadio, usurpato anche del suo nome, contro tutto e tutti, nella speranza possa accadere l’impossibile, quello che ogni tifoso sogna e desidera, battere la Juve. Noi ci faremo rispettare, voi cercate di fare almeno altrettanto, lottando su ogni pallone, evitandoci figure barbine. Può essere la partita del riscatto, l’occasione per lasciare il segno in questo campionato deludente, l’opportunità di essere ricordati a lungo.

Guai a scansarsi, a scendere in campo già rinunciatari, a lasciare spazi o regalare errori, la Juve non ne ha bisogno, anzi, se dovrà vincere, dovrà farlo impegnandosi al massimo, sudando le così dette sette camicie, e magari senza aiutini extra.

Si preannuncia l’ennesima domenica di passione allo Stadio Friuli per i tifosi bianconeri del 1896, tra la corazzata Juve, l’invasione di insopportabili gobbi e lo spauracchio Damato. Eppure saremo li a tifare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy