Messaggero Veneto: A Firenze masticano amaro per la “spesa” fatta a Udine

Messaggero Veneto: A Firenze masticano amaro per la “spesa” fatta a Udine

Jorgensen e Cuadrado gli acquisti più azzeccati del club viola in casa Pozzo
Da Felipe a D’Agostino, da Thereau a Kone in tanti hanno tradito le aspettative

di Redazione

approfondimento del Messaggero Veneto sugli ex di Fiorentina e Udinese.

A volte gli affari migliori sono quelli che non si fanno. Chissà se alla fine della stagione Udinese e Fiorentina commenteranno così il mancato trasferimento di Rodrigo De Paul alla Viola, là dove l’argentino avrebbe prima voluto e poi potuto andare. La storia comincia nell’estate 2018, quando l’agente del diez flirta con la Fiorentina, al punto da costringere l’allora dt bianconero Daniele Pradè a una presa di posizione. Un anno dopo, ed è storia di un paio di mesi fa, coincidenza vuole che Pradè agisca sul fronte viola con la missione di portare in riva all’Arno il 10 dell’Udinese, senza tuttavia riuscirci, per poi buttarsi sula stella Ribery.Tutti contenti? Adesso è presto per dirlo, solo il campionato dirà se De Paul si confermerà sulle cifre per lui richieste dai Pozzo e se la Viola non aveva davvero bisogno del suo estro. Quel che è invece certo, è che in passato le due società non hanno fatto troppi affari da tutti “felici e contenti”. Anzi, a Firenze hanno spesso masticato amaro per alcune “sole”, e qui basta ricordare Cyril Thereau, arrivato a Firenze a titolo definitivo nel 2017 per due milioni di euro, portando a termine la sua stagione viola con soli 5 gol in 20 partite, tra cui due all’Udinese. Peggio ancora ha fatto Panagiotis Kone, passato in prestito nel 2016 con un diritto di riscatto fissato a 5 milioni di euro, mandando poi all’aria dopo l’unica presenza fatta al Franchi, prima di fare retromarcia a Udine. Attese svanite anche per Gaetano D’Agostino, per il quale la Viola aveva versato 4.5 milioni di euro nelle casse friulane per la sola comproprietà, offrendo un contratto di tre anni, con opzione per il quarto, all’ex centrocampista che l’anno prima (2009) era stato cercato da Real e Juventus. A Firenze D’Agostino s’infortunò presto e alla scadenza degli accordi sulla compartecipazione le due società non si accordarono, finendo così alle buste, tornando all’Udinese per 110mila euro, contro i 50 mila offerti dalla Fiorentina (…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy