Thereau al Copernico: stop al razzismo

di Castellini Barbara, @barchettazzurra

Il progetto nazionale “Il CalciaStorie“, promosso da Lega Serie A e Uisp per diffondere tra i giovani la cultura dell’integrazione e della tolleranza attraverso il calcio, questa mattina è stato presentato a Udine. Protagonisti 120 ragazzi del Liceo scientifico-sportivo Copernico, insieme all’attaccante dell’Udinese, Cyril Thereau, e al centrocampista della formazione Primavera, Panagiotis Armenakas. Soccer: Serie A; Empoli-UdineseCyril Thereau in carriera ha giocato in diverse squadre tra Francia, Belgio, Romania e Italia: “Ogni volta ho imparato ad ambientarmi in contesti diversi grazie al calcio, un gioco che spinge alla collaborazione e riesce a farti superare anche le barriere più difficili. Mi sono trovato di fronte ad espressioni di razzismo diverse e per questo consiglio a tutti i ragazzi di contrastare con fermezza questo fenomeno senza però cadere nelle provocazioni. In Italia c’è un clima ospitale e la mia società fa di tutto per favorirlo”. Armenakas, talento greco-australiano di soli sedici anni, in forza alla squadra Primavera, si è trovato a parlare di fronte a dei coetanei: “Ero considerato un talento già a sette anni e questo mi ha spinto a maturare in fretta e a frequentare ambienti diversi, in Inghilterra e in Italia all’Udinese. La mia famiglia mi ha trasmesso una naturale capacità di accettare e di essere accettato. Lo sport unisce, annulla le differenze e aumenta i valori in comune. E’ molto importante che le famiglie orientino i propri figli allo sport per farne delle persone migliori”. Sono intervenuti, inoltre, Roberto Stecca dell’ufficio marketing Lega Serie A, Carlo Balestri, responsabile internazionale Uisp, il sindaco di Udine Furio Honsell e Matteo Marani, direttore del Guerin Sportivo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy