AIC, Calcagno: “Interrompere i campionati è stato il giusto messaggio”

AIC, Calcagno: “Interrompere i campionati è stato il giusto messaggio”

Il vicepresidente dell’associazione italiana calciatori, ha parlato della situazione legata ai campionati nazionali. La sospensione è stata la scelta giusta

di Redazione

NEWS UDINESE – L’avvocato Umberto Calcagno, vicepresidente dell’AIC (Associazione Italiana Calciatori) ha parlato ai microfoni di calciomercato.it della situazione dei campionati nella nostra nazione. Il braccio destro di Damiano Tommasi ha espresso tutto la sua soddisfazione per aver sospeso le manifestazioni sportivi, secondo il vicepresidente in questo modo è stato mandato il messaggio corretto:

“Da settimane in via informale chiedevamo di sospendere tutto e finalmente è stato fatto. Anche se in ritardo ci siamo arrivati. L’importante è che sia stata presq eusta decisione, c’era il rischio di essere decontestualizzati dalla reale situazione che la nazionale sta tutt’ora vivendo. Ci era stato detto che i calciatori dovessero dare l’esempio, ma volevamo capire secondo loro qual’era l’esempio migliore da dare. Le regioni del nord ci chiedevano dei testimonial per capire la gravità della situazione. Il messaggio giusto era di far capire a tutti l’importanza di stare a casa. Lo statuto federale lascia ampio potere alla federazione, quando si tratta di casa di eccezionalità. Per questo non è da escludere che la stagione possa prolungarsi oltre il 30 giugno. In questo modo anche i contratti scadrebbero più in là. Speriamo di poterci ragionare su, il problema non sarà trovare una situazione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy