Ex Udinese, Basta: “Gotti mi piace, spero possa riportare la squadra in alto. Lazio? Quando mi chiamò era impossibile dire di no”

Il doppio ex di Udinese e Lazio, Dusan Basta ha parlato del match di domani

di Redazione

Il doppio ex di Udinese e Lazio, Dusan Basta ha parlato del match di domani. L’ex terzino destro serbo, ritiratosi nel 2019 oggi fa l’agente. Basta ha giocato con la maglia bianconera dal 2009 al 2014, collezionando 123 presenze e 11 reti. Subito dopo l’esperienza friulana approda nella capitale con la maglia biancoceleste, dove milita dal 2014 al 2019 mettendo insieme 116 apparizioni e 2 gol. Il serbo con i romani vince anche 1 Supercoppa Italiana e 1 Coppa Italia. Queste le sue parole in vista della “Sua partita” a La Gazzetta dello Sport: “Nel 2010 mi infortunai al tendine d’Achille, era l’anno di Marino e De Biasi. Avrei dovuto star fermo un mese, sono rientrato dopo più di 18. Pensai di mollare tutto, poi arrivò Guidolin e il presidente Pozzo gli disse di avere fiducia. Fu un inferno, ma l’Udinese mi aspettò“.

Ricordi bianconeri
Nel 2009-10 Marino avrebbe voluto mandarmi in prestito, ma gli dissi di no. Alla quinta giornata, contro il Milan, si fanno male Isla e Zapata ed entro io. Non uscirò più. Nel 2011, dopo un anno e mezzo fermo, faccio un ritiro a cento all’ora, ma mi faccio male prima del preliminare di Champions contro l’Arsenal. Ero arrabbiato, ma giocai titolare segnando dopo due minuti. Vuole la verità? Piansi come un bambino“.

Aneddoto sul rigore di Maicosuel
Voleva diventare un eroe con un colpo solo, ma fece solo una figuraccia e passò il Braga. Se quel cucchiaio l’avesse fatto un fenomeno come Di Natale ok, lui no. Anche se la verità, purtroppo, è un’altra…Avrei dovuto tirare quel rigore, dopo 8 anni resta l’unico rimpianto. O io o Danilo, ce lo disse anche Guidolin. Doveva calciarlo uno che si era guadagnato la Champions, come Domizzi, Pinzi e Di Natale. Maicosuel si era allenato tre volte e andò sul dischetto. Un errore“.

L’Udinese di oggi
In estate è tornato Pereyra, gran talento, per domani punto su di lui. Mi piace anche Musso, ma come Handanovic c’è n’è uno solo. Scuffet? Ricordo il suo esordio in un Bologna-Udinese 0-2, parò ogni cosa. Poi non so cosa sia successo. Non è diventato il nuovo Buffon, ma è un ragazzo d’oro e un buon portiere“.

Udinese diversa rispetto alla sua
E mi dispiace, perché è una società da Champions. Non può lottare per la salvezza, dai. Gotti mi piace, spero possa riportare la squadra in alto, ma noi eravamo diversi. Il mercato offriva sempre qualcosa: nel 2011 andò via Sanchez ma arrivammo terzi con Pereyra e Muriel“.

Passaggio alla Lazio
Impossibile dire no alla Lazio. L’anno prima mi voleva l’Inter, poi arrivò la Lazio e Lotito chiuse tutto già a maggio. A Roma ho vinto da protagonista“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy