Ex Udinese, Bertotto: “Conterà la qualità, chi ne ha di più emergerà”

Ex Udinese, Bertotto: “Conterà la qualità, chi ne ha di più emergerà”

L’ex capitano dell’Udinese, Valerio Bertotto ha parlato della ripresa del campionato di Serie A, della lotta scudetto e

di Redazione

L’ex difensore e capitano dell’Udinese, Valerio Bertotto ha parlato della ripresa del campionato di Serie A. Queste le sue parole ai microfoni di TMW Radio: “Ha grandissima qualità, è moderno: ha fisico, tecnica e sa fare gol. Non c’è dubbio che la certificazione deve avvenire su palcoscenici di prim’ordine, contro quelli bravissimi. Non a caso la sua valutazione è quella, un po’ esagerata ma in linea con il suo valore“.

Mbappe più forte di Dybala?
Hanno caratteristiche differenti: Mbappe è un giovane con una velocità impressionante, riesce ad abbinare la sua potenza fisica alla tecnica come pochi, Dybala forse è più anarchico perché sa giocare un po’ dappertutto“.

Tre mesi di stop del calcio
La cosa più importante finora era passare più rapidamente possibile il momento. La salute è fondamentale, e purtroppo in molti hanno sofferto tantissimo. Ma come tutte le cose della vita, e delle attività che vogliono riprendersi la normalità, anche il calcio doveva ripartire. Vanno prese le misure corrette per evitare ricadute o aggravamenti, ma è un segno di voglia di risveglio e dare emozioni che solo il calcio sa dare“.

Ronaldo e Dybala faranno fatica a coesistere
Ad avercene di problemi così (ride, ndr)! Da allenatore, dico che i calciatori bravi fai fatica a lasciarli fuori. Nell’equilibrio di squadra, devono giocare. Poi parliamo della Juve, che ha interpreti forti in ogni ruolo. La bravura di Sarri è e sarà trovare la giusta collocazione“.

Juve-Milan di Coppa Italia è una partita aperta?
Gli allenatori a volte spostano l’attenzione su altre cose, fa parte del gioco. Credo che la Juventus sia ancora favorita: il Milan è una buona squadra, ma forse ha qualcosa in più. Rimane comunque l’incognita di dover ripartire tutti da zero. La qualità la farà da padrone, ma c’è anche l’aspetto psicologico e motivazionale dei giocatori“.

Cosa significa per un calciatore giocare a porte chiuse?
Sì, una volta mi successe contro l’Ascoli perché avevano squalificato a loro il campo. Sicuramente è tutto particolare: il calciatore è abituato a vivere in un certo contesto, che spesso fa la differenza. L’abitudine ad avere i tifosi che urlano è qualcosa che fa sentire partecipe dell’ambiente. Quando non ce l’hai c’è il pericolo che tu non ci metta la giusta determinazione, il pensiero che non è un’amichevole del giovedì ma una partita importante. Bisogna ricaricarsi e pensare che i punti valgono tre volte. Tra le mille situazioni negative che si sono create, però, direi di lasciare stare: meglio che niente, teniamoci le partite viste in tv“.

Cinque sostituzioni
Vantaggiose, per tutti. Anche per lo spettacolo. Giocando ogni tre giorni per diverso tempo, se non fai così rischi di andare incontro a grossi problemi. Io questa esperienza dei cinque cambi l’ho avuta in Serie C, e personalmente non mi sono trovato male, anche perché tieni tutti sulla corda, rimanendo comunque con un massimo di tre interruzioni. Per me è una cosa positiva“.

Che ritmo dovremo aspettarci dalle partite alla ripresa
Sarà inevitabilmente basso. Sarà come una squadra che fa una preparazione senza giocare le amichevoli. Pensiamo solitamente al fatto che normalmente ci voglia già un bel po’ di tempo, mentre ora la prima amichevole sarà già una partita ufficiale. Conterà la qualità, chi ne ha di più emergerà“.

Come reagiranno i calciatori?
Solitamente a fine campionato c’è uno stacco fisico, quasi di rigetto e di riposo, ma più che altro mentale. Abbandonare un attimo tutti gli stress, mentre in questa situazione di anomalia non si sapeva se e quando si sarebbe ripreso, non staccando mai l’interruttore su off. Si sono continuati ad allenare pur nell’incertezza, e con i problemi che erano altri. Società e staff dovranno dare gli stimoli giusti, e poi conta la professionalità del calciatore per calarsi di nuovo nella sua normalità“.

Riforma per la Serie C
Il calcio è caduto dentro quest’anomalia che ha fatto emergere problematiche ulteriori. Per fare calcio bisogna essere seri, imprenditori veri, avere strutture e capacità di programmazione. Spesso però non esistono questi riscontri e vediamo scenari di sofferenza. Conosco bene Ghirelli, un’ottima persona e un grandissimo presidente, so che fa le cose per bene, ama il calcio e la Lega Pro, fa e farà di tutto per far sì che il percorso possa riservare più soddisfazioni che fastidio“.

Semiprofessionismo
Qui si deve toccare dalla Serie A alla D, è un circolo a cascata che riguarda quattro categorie, pur divise da tanti milioni negli interessi. Ma bisogna mettere tutte le situazioni dentro al discorso“.

Lotta scudetto, Juventus, Lazio e Inter
Non saprei, ma potrebbero nascere incognite su possibili infortuni legati alle tante partite. Sorprese, che poi non sarebbero se penso ad esempio all’Atalanta, di chi potrebbe rivelarsi pronto fin da subito. Chi in questo momento ha giocatori meno strutturati fisicamente, più adatti ad un gioco di esplosività, forse può avere dei benefici nell’immediato“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy