Gotti: “Una partita da spartiacque”

Gotti: “Una partita da spartiacque”

Il mister in conferenza prepartita

di Redazione

Il mister in conferenza prepartita:

“Veniamo da tre sconfitte, erano tre partite diverse. Non c’è una causa unica, rimane il fatto che sono tre sconfitte e abbiamo l’esigenza di non fare chiacchiere ma fatti”.

Cosa si aspetta dal Brescia di Lopez? “Una partita importante come tutte le altre la facciamo diventare più importante in relazione alle tre sconfitte che l’hanno preceduta, quindi diventa di nuovo uno spartiacque per capire se la squadra può guardare avanti. Il Brescia ha tante partite da ‘vita o morte’. All’andata ci hanno messo in difficoltà perché è stata una partita sporca. La presenza di Balotelli è un punto di domanda, lui è determinante. Conosco bene Diego, non avrà avuto il tempo di incidere sul sistema di gioco, sui singoli e la sua mano non si potrà già vedere, ma lui dà unità d’intenti, tira fuori doti caratteriali da tutto il gruppo”.

Nuytinck come sta? “E’ pienamente recuperato, così come prima della gara con l’Inter. Si è allenato con noi senza grossi problemi”.

De Paul può fare la mezzapunta? “Può essere. Il fatto che si faccia pochi gol non è solo in relazione alla qualità degli attaccanti.Noi creiamo abbastanza, non è spostando i giocatori in campo che possiamo migliorare, ma non dobbiamo dimenticare che una squadra di calcio deve essere estremamente equilibrata. Ad esempio il Verona non ha attaccanti ma è molto pericoloso”.

Ekong come sta? “E’ pienamente recuperato. Ancora non riesco a trasformare in realtà il desiderio che ho di trasformare in titolari il maggior numero di giocatori. A me piacerebbe riuscire ad arruolarli il più possibile. Conosco bene De Maio, mi scocciava farlo star fuori e l’ho rimesso dentro la volta scorsa”.

Bisogna attendersi qualcosa di più dal centrocampo: “Sono d’accordo”.

Perchè ha detto che vorrebbe 16 titolari e ancora non li può avere? “Per il momento di crescita del gruppo. Non siamo nella condizione di mantenere gli stessi equibri”.

Che partita si aspetta? Più simile a Milano o Parma? “Molto più simile a Parma, nei contenuti”.

Tre vittorie di fila e poi tre sconfitte: “Tutti vediamo delle potenzialità, capisco che molti lo comprendono, ma questo rimangono chiacchiere se non lo tramutiamo in punti. Bene che ci siamo allontanati dalla zona calda”.

La rosa è a posto così? “A parte Prodl che dovremo aspettare più a lungo, ci saranno tutti gli effettivi. Ci sono delle alternative, noi possiamo andare in crisi se ci sono delle defezioni nello stesso ruolo, cosa che nel calcio succede”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy