Pinzi: “Si va ad affrontare una partita alla volta, consapevoli delle difficoltà”

Pinzi: “Si va ad affrontare una partita alla volta, consapevoli delle difficoltà”

Pinzi parla dell’Udinese

di monica.valendino

Giampiero Pinzi, ex giocatore ed ex centrocampista dell’Udinese ha parlato del suo futuro da allenatore: Si ricomincia daccapo: difficile, perché comunque fare l’allenatore è molto diverso dal giocare a calcio e ti devi spogliare un po’ dei panni che hai indossato. Devi essere una persona umile, sempre pronta ad ascoltare anche l’allenatore dei dilettanti perché può insegnarti qualcosa. Intanto ho riaperto i libri e si studia, come quando andavo a scuola: ho tanta voglia di imparare, quello sicuramente; è un po’ impegnativo perché dalla mattina che vengo qui al campo fino a quando torno a casa verso mezzanotte… perché comunque il corso si svolge a Trieste; però dai, c’è tanta voglia, c’è la voglia di imparare. Il percorso è questo-. Tudor? Il mister ha dato un’impronta diversa, anche come approccio agli allenamenti: in campo vuole una squadra guerriera. Aveva pochissimi giorni a disposizione con tante gare ravvicinate: abbiamo fatto un buon lavoro penso, anche se fino adesso non abbiamo fatto nulla, appunto perché mancano queste tre partite, queste tre finali; è chiaro che per l’Udinese diventano vitali. Si va ad affrontare una partita alla volta, consapevoli delle difficoltà anche di affrontare una squadra già retrocessa come il Frosinone; anzi, più difficoltà ci sono quando si affrontano queste squadre. Giocare come abbiamo giocato l’ultima partita, con quella voglia e con quella grinta, aiutando ogni compagno in difficoltà, è fondamentale. Poi, la qualità dei singoli uscirà dopo, dopo aver messo in campo queste caratteristiche”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy