Premi Serie A: per l’Udinese l’ultima vittoria vale mezzo milione di euro

Premi Serie A: per l’Udinese l’ultima vittoria vale mezzo milione di euro

Chiuso il campionato, le squadre di Serie A tirano le somme della stagione appena conclusa e lo fanno ovviamente anche sul piano economico in vista del mercato estivo che comincerà ufficialmente il 1° settembre

di Redazione

Chiuso il campionato, le squadre di Serie A tirano le somme della stagione appena conclusa e lo fanno ovviamente anche sul piano economico in vista del mercato estivo che comincerà ufficialmente il 1° settembre. Le principali voci in entrata in relazione al campionato sono la ripartizione dei premi a seconda del piazzamento in classifica (per un totale di 162 milioni stanziati dalla Lega) e i diritti tv che invece valgono oltre il miliardo di euro.

Il paracadute per le retrocesse Lecce e Brescia ammonta a 10 milioni di euro, 25 per la SPAL  essendo stata nella massima serie per tre anni. Il sistema vuole infatti premiare ed aiutare  la più virtuosa a fare un mercato che le consenta di ritornare più facilmente in Serie A.

La vittoria dell’ultima giornata di campionato sul Sassuolo è valsa per l’Udinese mezzo milione di euro: i 3 punti – anche se ininfluenti per la salvezza che era ormai già stata acquisita – le hanno permesso di scavalcare il Cagliari conquistando la 13esima posizione e 4,6 milioni di premio anziché i 4,1 della posizione inferiore. Queste le cifre distribuite dalla Lega:

Ripartizione premi Serie A 2019/20

Juventus: 23,4 milioni di euro

Inter: 19,4 milioni

Atalanta: 16,8 milioni

Lazio: 14,2 milioni

Roma: 12,5 milioni

Milan: 10,9 milioni

Napoli: 9,3 milioni

Sassuolo: 8,3 milioni

Verona: 7,4 milioni

Fiorentina: 6,3 milioni

Parma: 5,5 milioni

Bologna: 5 milioni

Udinese 4,6 milioni

Cagliari 4,1 milioni

Sampdoria: 3,6 milioni

Torino 3,2 milioni

Genoa 2,8 milioni

Lecce 2,2 milioni

Brescia 1,6 milioni

Spal 0,9 milioni

 

I diritti tv costituiscono gli introiti più consistenti – oltre il miliardo di euro – e sono così ripartiti: il 50% viene distribuito equamente tra tutte le squadre, il 20% sulla base del numero di tifosi paganti allo stadio e il 15% in base ai punti e alla classifica; il 10% tiene conto dei risultati degli ultimi cinque anni e infine il restante 5% per le vittorie nazionali e internazionali a partire dalla stagione 1946/47.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy