udinese

Salernitana-Udinese | Il commento del match all’Arechi: un’amichevole

Esultanza Pereyra

I bianconeri sono scesi in campo con la bava alla bocca. Era una partita davvero importante per i campani ma sono stati i friulani a dominare

Redazione

Una passeggiata

Doveva essere una partita di fondamentale importanza per la Salernitana e invece è stata l'Udinese a dominare il gioco dal primo all'ultimo minuto. Si può dire, senza voler sembrare di essere arroganti, che l'Udinese abbia giocato un'amichevole in scioltezza e passeggiando per il campo. Dulofeu, come al solito, è stato il migliore dei suoi insieme a Udogie. Non ci sono più parole per descrivere questo ragazzo che ha un futuro brillante davanti a sé. A Mancini non sarà sfuggita la sua fantastica stagione e non ci stupiremmo se da qui a breve anche Udogie (convocato al maxi raduno dallo stesso CT della Nazionale) riuscisse a entrare in pianta stabile nell'11 titolare degli Azzurri. Ma passiamo al commento del match. 

Primo tempo

Padelli si è meritato di essere schierato in campo dal primo minuto. Leader silenzioso per l'intero corso del campionato, questa sera risponde "presente" ad ogni singolo tiro con una grande parata. Concentrazione al massimo e una parata più bella dell'altra. La difesa è stata impenetrabile e il centrocampo, come detto precedentemente, ha giocato una partita da applausi dominando dal fischio d'inizio fino alla fine. Per non parlare dell'attacco... A Deulofeu sono bastati 6 minuti per sbloccare il risultato. Al 34esimo ci ha pensato Nestorovski a sigillare il secondo vantaggio dell'Udinese. Pochi minuti dopo, più precisamente al 42esimo minuto, anche Udogie si è aggiunto alla goleada. Ma non finisce qui. Allo scadere dei minuti di recupero Deulofeu viene atterrato in area di rigore. Orsato non ci pensa due volte e assegna il calcio di rigore.

Secondo tempo

Pereyra fa suo il pallone, prende la rincorsa ma viene ipnotizzato da Belec che gli nega la gioia di calare il poker (nel primo tempo). Esatto, tutto questo è successo soltanto nei primi 45 minuti di gioco. Al rientro dagli spogliatoi Pereyra si riprende la scena e, con una giocata clamorosa delle sue, fa lo slalom in mezzo ai difensori della Salernitana e sigla il gol del 4-0. La tifoseria granata fraintendendo l'esultanza dell'argentino, non l'ha presa bene e ha cominciato a lanciare numerosi fumogeni sul campo. Parte della coreografia avrebbe preso fuoco e un piccolo incendio sarebbe divampato ma i vigili del fuoco, in men che non si dica, hanno spento le fiamme permettendo a Orsato di far riprendere il gioco. Insomma, morale della favola? Nonostante la sconfitta contro l'Udinese, la Salernitana rimane in Serie A perché il Cagliari non è riuscito a vincere a Venezia. Ecco le pagelle del match <<<