udinese

Udinese | Avete sentito Marino su Cioffi? I tifosi incrociano le dita…

Ecco le ultimissime dichiarazioni di Pierpaolo Marino sull'attuale allenatore dei club friulano. Speranze sul futuro? Ecco le dichiarazioni

Redazione

Poco prima dell'inizio del big match contro i campioni d'Italia ecco che il direttore dell'area tecnica Pierpaolo Marino ha detto la sua su Cioffi, sul suo passato, presente e futuro. I tifosi dell'Udinese sono rimasti sbalorditi dal modo in cui si è caricato l'intera squadra sulle spalle. E' riuscito ad agguantare una salvezza tranquilla facendo un grande lavoro. Dopo l'esonero di Luca Gotti non era scontato che mister Cioffi fosse così pronto. Ma lui si è rimboccato le maniche, sapeva che questa era un'occasione da non prendere e che certi treni passano una sola volta nella vita. La squadra lo ha ascoltato e ha deciso di sposare a pieno il suo modo di vedere e di vivere il calcio. Ma arriviamo al dunque. Ecco le ultimissime dichiarazioni pre-partita di Pierpaolo Marino.

"Proprio nell'unico presagio che avevamo avuto proprio nella partita contro Simone Inzaghi nella Capitale contro i biancocelesti, (Cioffi) aveva condotto la squadra in quel periodo. Gotti aveva il COVID e lui aveva condotto la squadra alla vittoria per 3-1. Avevamo 7-8 titolari in meno. Aveva stupito già lì, però, pronosticare che si sarebbe ambientato e che avrebbe preso tutte le redini in mano con sapienza, come sta facendo adesso, fino a questo punto con 27 punti, insomma, bisognava avere veramente la sfera di cristallo. Quindi è andato molto bene oltre ogni previsione ma noi siamo convinti che ci continuerà a stupire tutti". Ma non finisce qui.

La sensazione è che mister Cioffi abbia dalla sua parte l'intera tifoseria bianconera. Ha fatto, anzi, sta facendo grandi cose sulla panchina dell'Udinese e, con i giusti interventi nella prossima sessione di mercato, questa è davvero una squadra che ha tutte le basi per puntare in alto. Questo è il momento della svolta. La società ne approfitterà? Staremo a vedere. Bisogna riuscire a trattenere i big, puntare sui giovani e continuare ad investire. Un sogno difficile ma che potrebbe diventare realtà.