Udinese, Barak e il feeling mai sbocciato con Gotti

Il centrocampista dell’Udinese, Antonin Barak da ieri è un calciatore dell’Hellas Verona. Viene ceduto in prestito dopo essere rientrato da Lecce. Gotti continua a non vederlo al centro del progetto

di Redazione

Dopo una anno in prestito al Lecce una toccata e fuga in Friuli e da ieri ufficialmente all’Hellas Verona. E’ questo il percorso dell’ultimo anno del centrocampista dell’Udinese Antonin Barak. Dopo una buona stagione in salento una nuova avventura in prestito era pressoché scontata. Ma siamo sicuri che Barak con potrebbe essere utile all’Udinese? Questa domanda forse una risposta reale ce l’ha, ed è da ricercare nel percorso del ceco. Al suo approdo all’Udinese nella stagione 2017-2018 è una vera e propria rivelazione. Proveniente dallo Slavia Praga al suo primo anno italiano colleziona 34 presenze 7 reti e 4 assist, con la panchina dell’Udinese che passa da Del Neri passando per Oddo fino a Tudor. Nella stagione successiva arriva il problema enorme, la lombalgia, che non gli permette di confermasi e accumula solo 9 presenze. Da lì viene usato con il contagocce fino al mercato di gennaio quando passa al Lecce. Intanto Gotti subentra a Tudor e al termine della stagione Antonin rientra alla base ma in fase di preparazione il tecnico dei friulani con lo vede al centro del progetto. Forse i motivi stanno nel mezzo tra la voglia di rimettersi in gioco altrove di Barak e le scelte tecnico-tattiche di mister Gotti. Ma siamo proprio sicuri che nel 3-5-2 come mezz’ala il ceco non sarebbe stato titolare? Ad oggi la risposta non è scontata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy