Udinese, Gotti: “Il virus ha creato un’anomalia Stiamo cercando di alzare l’intensità”

Mister Gotti ha parlato alla vigilia della trasferta di Verona

di Redazione

Mister Gotti ha parlato alla vigilia della trasferta di Verona: “La settimana di preparazione in più, a causa del rinvio della gara con lo Spezia, ci ha permesso di alzare il livello fisico, di intensità, di dare un po’ di minutaggio a più giocatori possibile, perché di fatto abbiamo parecchi atleti che giocheranno la partita domani e che non hanno mai fatto una gara.  Il virus ha creato un’anomalia di questo inizio per tempistiche che si incastrano anche con le problematiche delle diverse situazioni nei vari paesi del mondoQuesta situazione ha provocato problemi di trasporto, logistica, visti burocratici, quarantene. Tutti probabilmente siamo un po’ in ritardo rispetto a quello che sarebbe un normale inizio del campionato. Faremo di necessità virtù”. Sui nuovi arrivati: “Ci sono livelli molto diversi di condizione fisica.Alcuni hanno avuto la possibilità di lavorare con un po’ di continuità, però ci sono anche ragazzi che da 4-6 mesi non toccavano il pallone. Al di là delle cose che tu puoi vedere durante un allenamento è  una partita di Serie A, peraltro contro un avversario che sappiamo fa dell’intensità una delle sue armi, che ti può far capire. Questa è una regola del calcio. La continuità e l’avere dei giocatori che hanno già fatto un percorso insieme, magari con le stesse idee, perché la guida tecnica è la stessa. Questo è uno dei vantaggi normali della costruzione e del percorso della squadra. Il Verona dispone di una guida tecnica con idee molto precise, forti, caratterizzanti che si sono già viste in questa nuova stagione contro la Roma. Ha cambiato tanto e probabilmente avrà bisogno di assestarsi in alcune posizioni del campo, sicuramente succederà anche a noi. Ma mi aspetto il solito Verona”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy