Udinese, Gotti: “Vogliamo fare il meglio possibile, sarà il campo a parlare”

Il tecnico dell’Udinese, Luca Gotti ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Torino

di Redazione
L’allenatore dell’Udinese, Luca Gotti ha parlato alla vigilia del match di ripresa del campionato contro il Torino, in programma domani alle ore 21:45. Queste le sue parole ai microfoni di Udinese Tv:
Quali sono le sue sensazioni alla ripresa del campionato dopo l’anomala sosta forzata e le sue aspettative sulla squadra?
“L’aspettativa è quella di fare il meglio possibile e i presupposti credo che ci sono. Credo che i ragazzi abbiano lavorato molto bene, poi è ovvio che tutto ciò debba passare al vaglio del campo”.
L’Udinese arriva all’appuntamento con il Torino dopo aver affrontato il test amichevole contro il Brescia, che pur non essendo una gara ufficiale ha dato delle indicazioni utili soprattutto sui due marcatori (Teodorczyk e Samir).
“Da ogni partita si possono trarre numerosi elementi e di sicuro, al di là dei gol realizzati, sia Teodorczyk che Samir hanno offerto prove convincenti. Il numero di giocatori che ho a disposizione è sempre più elevato”.
Il Torino, dal canto suo, è reduce dal recupero del 25° turno contro il Parma. Che squadra ha visto in campo e che tipo di partita si aspetta all’Olimpico?
“Sappiamo che il Toro è una buona squadra, con un organico che probabilmente non rispecchia la sua attuale classifica. Mi aspetto una partita tosta, che mi auguro sia diversa da Torino-Parma per merito nostro”.
Alla luce delle altre gare viste negli scorsi giorni, come crede che potrà svilupparsi la sfida di domani?
“È difficile da dire, anche perché i quattro recuperi disputati sono stati molto diversi tra loro. In Verona-Cagliari e Inter-Sampdoria la partita è cambiata molto tra primo e secondo tempo, mentre in Torino-Parma e Atalanta-Sassuolo abbiamo assistito a un’alternanza nella prevalenza in campo delle due squadre”.
L’avere quattro giocatori diffidati (Ekong, De Paul, Sema, Nestorovski) potrebbe condizionare la stesura della formazione?
“È ovvio che questa variabile andrà tenuta in considerazione, ma non peserà su questa partita. È un aspetto che potrà incidere piuttosto nel lungo periodo, assieme ad altri fattori come infortuni o affaticamenti”.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy