Udinese, Nicolas: “Grazie allo psicologo, prima di entrare in campo facciamo un ‘risveglio’ mentale”

Le dichiarazioni del portiere bianconero Nicolas Andrade ospite di Udinese Tonight

di Redazione

Le dichiarazioni del portiere bianconero Nicolas Andrade ospite di Udinese Tonight.

Giocare senza tifosi non è mai facile, il mister ci sta consigliando di parlarci il più possibile, di aiutare i compagni, perché il rischio è quello di non essere abbastanza motivati e di mollare la presa.
Ho visto le due semifinali di Coppa Italia, è stato bello veder ripartire il calcio dopo tre mesi di sosta. Giocare in questo contesto è un po’ come disputare un’amichevole, bisogna recuperare la forma ed è normale che le prime partite possano essere più “rigide” rispetto a come siamo abituati.
C’è tanta motivazione nel gruppo, tanta voglia di tornare in campo che ci spinge a dare il meglio in vista del match col Torino. Mi trovo molto bene con il metodo di lavoro dello psicologo Luca Modolo, da poco inserito nello staff tecnico: prima di entrare in campo, oltre al normale riscaldamento, svolgiamo anche una fase di “risveglio” mentale, che è altrettanto importante.
Mi sento di ringraziare la società perché ci ha dato la possibilità di giocare tante partitelle in famiglia e soprattutto di affrontare un’amichevole vera (contro il Brescia) prima di riprendere il campionato.
Tra noi portieri c’è una grande amicizia, ci frequentiamo anche fuori dal campo. Tra me, Musso, Perisan e i giovani Gasparini, Carnelos e Piana siamo davvero un gruppo numeroso e affiatato. Riprendere gli allenamenti per noi è stato più difficile perché, rispetto ai giocatori di movimento, abbiamo potuto ricominciare più tardi a prepararci sul campo, però siamo riusciti ugualmente a mantenere una buona forma durante la quarantena. 
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy