Udinese ritrovata: tre punti e gioco, Toro scornato

L’Udinese trova solidità difensiva e finalmente anche la rete: ne basta una per domare un Toro scornato. Merito dei bianconeri attenti per tutta la gara

di Monica Valendino, @Moval1973

Una cosa va detta: sistemare la fase offensiva è di gran lunga meno difficoltoso (non più facile…) di sistemare quella difensiva. Tudor sta avendo il grande merito di aver ridato solidità all’Udinese che prende decisamente molti meno gol degli anni passati, ma soprattutto regala pochissimo. Col Torino si è anche sbloccata portando a casa tre punti fondamentali grazie alla sola rete segnata (da Okaka che se n’è mangiata un’altra), ma continuando a cercare. La strada se proseguirà sembra quella giusta, chiaro che però si deve ancora trovare qualche soluzione davanti migliore perché anche col Torino qualche brivido dietro può sempre capitare. Tutto questo non toglie nulla a una vittoria meritatissima, sotto tutti i punti di vista contro un Toro tramortito che non può dare la colpa del ko solo a una giornata storta di Belotti e compagni.

LA PARTITA Tudor conferma la formazione che si era ipotizzata: De Paul mezzala, Okaka e Lasagna davanti. Ter Avest al posto di Larsen, Opoku in difesa; proprio Okaka al 2′ si divora un gol praticamente fatto. Sema si disimpegna bene, calcia e il pallone finisce sul palo e poi direttamente sui piedi dell’ex Watford che da pochissimi metri manda a lato.
L’Udinese è partita bene, nei primi dieci minuti è andata al tiro anche con Opoku e Jajalo, in entrambe le occasioni con pallone di poco a lato. Bianconeri compatti e che sembrano voler colpire il Toro andando a cercare anche il tiro dalla distanza (il Torino è la squadra che ha subito più tiri da fuori area in questo campionato, 58,; tuttavia, è una delle cinque formazioni del torneo in corso a non aver ancora incassato reti dalla distanza). Come a Firenze avvio incoraggiante con  spazi chiusi e con la squadra di Mazzarri che fatica a venire fuori, se non sulla sinistra dove Samir commette parecchi errori da quella parte anche perché Sema copre poco su Ansaldi che riesce a creare quale che sconquasso.
L’Udinese è l’unica squadra di questo campionato a non aver ancora subito gol nel corso dei primi 30 minuti di gioco, dato statistico che mette in luce come i problemi bianconeri nascano in altre situazioni.
La squadra di Tudor comunque dimostra di avere testa e gambe e al 42′ Verdi perde palla, De Paul innesca la ripartenza e alla fine Okaka questa volta a pochi passi insacca il meritato vantaggio.

Nella ripresa Toro più offensivo con l’ingresso di Zaza e subito Musso si fa vedere contro Belotti. I granata comunque continuano a faticare anche se cercano con più veemenza la via della rete, ma l’Udinese è molto attenta e offre sempre l’impressione di saper dettare i ritmi del gioco con chiusure precise e contropiede  quando possibile.
Belotti allo scadere fa venire i brividi, ma la palla calciata da fiuori area finisce di lato di poco.

L’Udinese tiene e si dimostra matura, sale a dieci punti e guarda con ottimismo al futuro. Non è male.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy