Udinese-Roma, Gotti: “Settimana pessima, ma intravedo la direzione giusta”

Il tecnico dell’Udinese Luca Gotti ha commentato la sconfitta contro la Roma

di Redazione

L’allenatore dell’Udinese, Luca Gotti ha commentato la sconfitta di misura contro la Roma. Il gol di Pedro ha deciso il match dello stadio Friuli. Queste le sue parole ai microfoni di DAZN: ”

Avete tirato di più della Roma
È una settimana pessima dal punto di vista dei risultati: tutto quello che poteva andare male è andato male, ma dico anche che intravedo la direzione giusta. L’infermeria è piena e molti giocatori sono in ritardo di condizione, ma quello che vedo in settimana e i nuovi arrivi mi fanno ben sperare“.

Pereyra e De Paul insieme possono fare la differenza?
Quando si perde bisogna star zitti, ed è quello che proverò a fare. Ma la sensazione è che si possa prendere una strada un po’ diversa dagli ultimi anni, più qualitativa. E la speranza è che possa darci soddisfazioni, anche dal punto di vista della classifica. Credo che il sistema di gioco, e soprattutto le linee di gioco, siano legati principalmente ai giocatori importanti. Bisogna costruire attorno alle qualità di questi giocatori una squadra funzionale ed efficace. Al termine del mercato vedremo che squadra saremo, e cercheremo di trovare la quadra il prima possibile“.

In difesa c’è tanto da lavorare
Abbiamo perso tre partite perché abbiamo commesso degli errori. Dispiace che ci sia un episodio singolo così marchiano, ma se la vogliamo vedere più in grande questa squadra ha voglia di giocare, e proverà sempre più a farlo. Qualche volta pagheremo dazio, ma più volte ci toglieremo delle soddisfazioni“.

Pereyra, De Paul e Mandragora insieme, possibile?
A me piacerebbe potesse essere così. Per Mandragora occorrerà tempo, ma abbiamo diversi elementi a disposizione. La direzione, però, è questa“.

Emergenza Covid-19
È difficile fare valutazioni generali. Ho sentito molta gente parlare a vanvera e non voglio mettermi in questo solco, noi facciamo i tamponi e cerchiamo di rispettare tutte le norme. Poi vediamo cosa succede a Genova o Napoli, capisci che basta davvero poco e ti atterrisce dal punto di vista sportivo. Abbiamo provato a parlarne anche con la società, ma non sai bene come gestirla questa situazione“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy