Zico fa 64! Auguri campione

Il re compie 64 anni. Leonardo: Un privilegio essere stato prima tifoso, poi compagno e amico

di Redazione

Zico fa 64, e li porta più che bene. Festeggiamenti nella sua Rio, in famiglia e per il carnevale ovviamente come lui stesso testimonia su Instagram.

A festeggiarlo anche Leonardo che al Messaggero Veneto racconta: «Ma io ho sono stato prima suo tifoso, poi suo compagno e amico. Un privilegio». Leonardo, il suo primo incontro con Zico lo ricorda così: « Avevo 15 anni e giocavo nelle giovanili del Flamengo. Il pallone uscì dal campo e lui, che stava andando in piscina per delle cure, si fermò e andò a raccoglierlo sotto una macchina. Un gesto semplice che mi fece capire tutto di lui La prima volta allo stadio? Avevo sei o sette anni, e mio padre mi portò al Maracanà a vedere Flamengo-Bonsucesso: ricordò il tunnel lungo e buio che portava alle tribune. Il “Fla” vinse 7-0 e Zico segnò una doppietta diventando il mio idolo. Per quelli della mia generazione è stato il più grande, un modello assoluto: arrivò al Flamengo che era gracile e la società tutelò quella fragilità. La sua è la storia perfetta anche fuori dal campo con l’amore tra lui e Sandra nato quand’erano ragazzini».

Ricorda poi i giorni della trattativa tra l’Udinese e il Flamengo per la cessione di Zico «Il calcio europeo era il più potente a livello economico, eppure sembrava impossibile perdere Zico. Ed era relativo il fatto che andasse a giocare in una squadra non conosciutissima allora come l’Udinese. Quello che contava era che se ne andava. Accadrebbe la stessa cosa oggi in Catalogna se il Barcellona cedesse Messi. Nel mondo siamo in tanti, ma quelli che rappresentano qualcosa di grande sono pochi».
Zico ha detto anche nell’ultima visita a Udine che lui nello scudetto ci credeva davvero… «Sicuro! Uno che nasce nel Flamengo vive con un solo obiettivo: vincere. E comunque fece 19 gol in 24 partite, solo uno in meno di Platini che di gare ne disputò di più»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy