Pradè: “Siamo diventati squadra tardi. A Cagliari per fare bella figura”

Pradè: “Siamo diventati squadra tardi. A Cagliari per fare bella figura”

Sul sito ufficiale le parole di Pradè sulla situazione dell’Udinese

di Redazione
News Udinese, piace Tokoz del Besiktas.

Sul sito ufficiale le parole di Pradè sulla situazione dell’Udinese:

Una salvezza raggiunta con una giornata di anticipo e con 22 punti conquistati nel girone di ritorno. Al netto di tutti gli episodi sfortunati e degli infortuni, le cose hanno iniziato a girare nel verso giusto?

Siamo diventati squadra “tardi” proprio per i problemi che abbiamo dovuto affrontare. Abbiamo avuto così tanti infortuni e situazioni particolari che nel momento in cui siamo riusciti a giocare con la squadra quasi al completo abbiamo dimostrato cosa valiamo e gli innesti di gennaio si sono rivelati azzeccati. Ricordiamo che abbiamo giocato le ultime partite senza Behrami, Fofana e Barak a centrocampo, ma ne siamo usciti molto bene.

Ora che la salvezza è stata conquistata con che spirito si va a Cagliari? 

Partiamo per l’ultima trasferta concentrati, per fare bella figura e cercare di vincere la partita migliorando ulteriormente la nostra classifica. Abbiamo diverse squadre a portata e possiamo toglierci sicuramente qualche soddisfazione. I giocatori scenderanno in campo con la stessa fame dimostrata nelle ultime partite, mi è bastato vederli in allenamento.

Uno sguardo al futuro: i giocatori bianconeri sono sempre al centro delle voci di mercato, questa è una conferma di un organico di livello. Come la vive un Direttore di Area Tecnica?

Il fatto che i nostri giocatori siano al centro dei discorsi sul calcio mercato non può farci che piacere, significa che nonostante un campionato così faticoso, i nostri sono riconosciuti come giocatori che individualmente sono fortissimi e appetibili sul mercato. Ora però è ancora prematuro parlarne, a campionato finito analizzeremo situazione per situazione.

 

udinese.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy