Corsera: Sarà la condanna di Tudor?

Corsera: Sarà la condanna di Tudor?

Undici gol in due partite saranno la condanna di Tudor?

di Redazione

Il commento del Corriere della Sera alla sconfitta dell’Udinese con con la Roma.

Nel segno di Nicolò Zaniolo, che ha giocato una partita di calcio totale come era quello dell’Ajax di Michels o del Milan di Sacchi. La Roma torna da Udine con tre ottime notizie: il 4° posto in classifica, agguantato proprio in vista dello scontro diretto con il Napoli; 4 gol di pregevole fattura, 3 dei quali segnati in 10 contro 11 per la severissima espulsione di Fazio al 32’ del primo tempo; la conferma di un futuro splendente con Zaniolo e Mancini e di un presente solido con Smalling, Kolarov e Dzeko, ai quali si è aggiunto da quattro partite Javier Pastore, che sembrava perso alla causa ed è tornato calciatore con Fonseca.

Non c’è stata partita e se l’Udinese è questa non si sa come possa scampare alla retrocessione. I friulani non hanno messo insieme due passaggi in fila e sono andati in apnea fin dall’inizio. Il gol di Zaniolo è stato favorito da un liscio di Samir, ma poi il dominio giallorosso è stato totale, con il solo difetto di non sfruttare tutte le occasioni create. Poco dopo la mezzora è arrivato l’episodio che avrebbe potuto cambiare la partita. Fazio, in vantaggio su Okaka, si è addormentato su un pallone di scarsa pericolosità. L’argentino ha provato a rimediare allargando il braccio e Irrati ha estratto il cartellino rosso ritenendola chiara occasione da gol. Dallo stadio si è avuta la sensazione di problemi di collegamento con la Var e sono passati almeno 3 minuti per la decisione finale. Irrati non ha cambiato idea: il contatto, anche se minimo, c’era stato e perciò toccava a lui valutarlo. Fonseca non ha fatto cambi: Mancini è scalato difensore centrale nel 4-4-1. Nella ripresa, quando tutti si aspettavano l’assalto dell’Udinese, è arrivata la grandinata giallorossa: Smalling su azione da corner, Kluivert su assist al bacio di Pastore e Kolarov su rigore hanno dato alla vittoria le dimensioni del trionfo.

La Roma tornerà in campo sabato alle 15, contro il Napoli, caricata a mille da una settimana vissuta alla grande, rovinata solo dall’errore dell’arbitro Collum contro il Borussia. Fonseca ha deciso di far dormire la squadra a Udine e ripartire in mattinata. La sfida a Ancelotti si giocherà anche su qualche ora di sonno in più. L’Udinese è sembrata troppo brutta per essere vera, confermando la sconfitta per 1-7di Bergamo. Undici gol in due partite saranno la condanna di Tudor?

Caricamento sondaggio...
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy