Messaggero Veneto: Mitroglou si propone l’Udinese dice no

Messaggero Veneto: Mitroglou si propone l’Udinese dice no

Sul bomber greco in uscita dal Marsiglia ci sono Lecce e Spal
Il polacco piace in Francia al St.Etienne e può ancora partire

di Redazione

L’apertura del Messaggero Veneto sull’Udinese.

Un altro centravanti? «No, grazie». Questa la risposta dell’Udinese anche se chi si è proposto si chiama Konstantinos Mitroglou, bomber greco di lungo corso (31 anni compiuti a marzo) capace di segnare in carriera con le maglie di Olympiakos, Fulham, Benfica e Galatasaray (1 gol in 7 partite negli ultimi sei mesi della scorsa stagione) in prestito dall’Olympique Marsiglia che lo cederebbe a titolo temporaneo anche per il prossimo campionato, visto che ce l’ha sotto contratto fino al 30 giugno 2021. Il procuratore Panos Galariotis lo sta proponendo in Francia (c’è il Nantes interssato) e in Italia, dove soprattutto il Lecce ci sta facendo un pensierino dopo aver fallito l’aggancio a Khouma Babacar che il Sassuolo vuole girare al Genoa per arrivare a Christian Kouame. Non solo anche la Spal è interessata, se non altro per garantirsi un’alternativa nel caso di un addio ad Andrea Petagna.E l’Udinese? Ha declinato l’offerta visto che là davanti dal punto di vista numerico è a dir poco coperta. Igor Tudor sta utilizzando nel ruolo di punta unica (nel 3-4-2-1) Kevin Lasagna, da qualche giorno può contare anche su Ilija Nestorovski per quel ruolo e in sede di mercato Gino Pozzo ha voluto portare in Friuli anche il giovane Cristo Gonzalez, prelevato in Spagna dalla squadra B del Real Madrid. Insomma, c’è polpa anche nel caso di una virata per tornare al 3-5-2, tanto che neppure si parla di trattenere Ryder Matos che tornerà in serie B, probabilmente al Pescara dopo l’avventura in prestito all’Hellas Verona. Anche perché la contabilità in attacco si deve fare anche mettendoci dentro il polacco Lukasz Teodorczyk che resta, tuttavia, un punto di domanda in casa bianconera dopo una stagione, la prima, scandita dai problemi fisici. Li ha davvero risolti? Le prime amichevoli “a spizzichi e bocconi” non ha sciolto i dubbi. L’impressione è che Bomber Teo sia una sorta di cristallo di Boemia da mettere in mostra con una certa apprensione. Ecco perché non è escluso che alla fine l’Udinese lo sganci. Piace in Francia al St.Etienne, per esempio.Si vedrà. Un po’ lo stesso discorso che bisogna fare per il vero gioiello della corona bianconera, quel Rodrigo De Paul

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy