Messaggero Veneto: Udinese, ora la paura fa più di novanta

Messaggero Veneto: Udinese, ora la paura fa più di novanta

Dopo il gol al 93′ con il Milan altri punti persi nel recupero:
con la rete al 91′ di Palacio a Bologna nel ritorno sono già 3

di Redazione

L’apertura del Messaggero Veneto sull’Udinese:

Dopo la rete al minuto numero 91 siglata a Bologna da Palacio, in casa Udinese si può dire: la paura fa più di novanta. L’ha confessato lo stesso Luca Gotti ancora nel ventre dello stadio Renato Dall’Ara, quando ha svelato: «Abbiamo pagato l’importanza dei tre punti: è stata condizionante, perché abbiamo pensato solo a difendere il nostro fortino per portare a casa la nostra vittoria». Insomma, anche il fattore psicologico sta recitando una parte importante in questo momento chiave della stagione, come era già emerso a gennaio, quando l’Udinese si era arresta al Milan in pieno recupero, al 93′, dopo aver messo in scena una rimonta (con Lasagna all’85’) e aver fallito addirittura il sorpasso con una conclusione sbilenca di Nestorovski a pochi secondi dal novantesimo.In poche parole la Zebretta sta sprecando non poche occasioni per allungare sulle avversarie dirette per la salvezza. O meglio, per allungare in modo deciso, visto che, dopo le partite di Genoa e Lecce, da ieri a messo un altro punto tra sè e la zona retrocessione. Ecco perché la zmapata di Palacio nell’anticipo di sabato è stata un’autentica mazzata, confessata pure questa da Gotti. «Abbiamo effettivamente perso punti pesantissimi nel recupero».A proposito del tecnico di Contarina. A San Siro come al Dall’Ara è finito nel mirino della critica per le sue scelte. Con il Milan inserirì De Maio per Okaka poco prima dell’azione del 3-2 di Rebic. Contro il Bologna, a una decina di minuti dalla fine ha fatto uscire Lasagna sostituendolo con Jajalo. In poche parole due cambi “conservativi” che però non hanno avuto l’effetto desiderato da Gotti. L’allenatore bianconero ha spiegato: «Dovevamo gestire meglio la palla: io ho cercato di intervenire con i cambi». Poi: «Volevo che la squadra gestisse meglio il pallone, ma non ci siamo riusciti». E il fatto che proprio il “palleggiatore” Jajalo abbia regalato al Bologna della ripartenza per l’1-1 è stata la vera beffa.Non questo pareggio l’Udinese nella gare del girone di ritorno ha perso già tre punti dopo il novantesimo, quello di San Siro e i due lasciati a Bologna. (…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy