Musso: “Sono capitato nel posto giusto per chi vuole fare il salto di qualità”

Musso: “Sono capitato nel posto giusto per chi vuole fare il salto di qualità”

Juan Musso si racconta sulle colonne del Gazzettino

di Redazione

Juan Musso si racconta sulle colonne del Gazzettino nell’intervista di Guido Gomirato

Lei in questa stagione è considerato da tifosi e critica il migliore dei bianconeri…
«Mi fa piacere. Ho avuto la fortuna di capitare nel posto giusto; l’ambiente è ideale, città, tifosi, staff, società, proprietà per chi vuole fare il salto di qualità».

Saranno dodici gare in cui l’imponderabile assumerà un ruolo forse decisivo.
«È una situazione particolare, veniamo da un lungo stop, ma sarà soprattutto l’aspetto mentale a decidere; ne parliamo ogni giorno con mister Gotti, ci sta aiutando a essere forti psicologicamente e affrontare qualsiasi scoglio, per poter centrare l’obiettivo che rientra nelle nostre possibilità».

Parliamo di De Paul. Anche il suo connazionale ha tratto non pochi benefici dal giocare in Friuli. Ora è uno dei migliori nel suo ruolo.
«Conosco da parecchio tempo Rodrigo. Giocavamo assieme al calcio da ragazzini, lui è un talento, un giocatore completo. A livello professionistico forse ha incontrato qualche difficoltà (al Valencia ndr), ma l’Udinese ha visto giusto quando lo ha acquistato e la fiducia della proprietà sul numero dieci è ben ripagata, il mio connazionale segna, difende, corre».

Quando vedremo Musso titolare nella nazionale argentina?
«Non lo so. Tutti vogliono giocare, ma è chiaro che le mie fortune sono legate al rendimento che garantirò all’Udinese, con cui voglio fare sempre meglio. Ma tutta la squadra vuole salire, ne abbiamo le possibilità».

Ci racconti di Agustin Rossi, per il quale l’Udinese sembra avere un debole al di là che lei vada via o rimanga ancora in Friuli.

«È un portiere di affidamento, reduce dalla più che positiva esperienza con il Lanus. È completo».

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy