Nuytinck sbaglia e l’Udinese perde anche contro un’Inter normale.

Nuytinck sbaglia e l’Udinese perde anche contro un’Inter normale.

Forse è il caso di ricominciare a giocare meno bene e portare punti a casa.

di Redazione

E sono tre. Tre sconfitte consecutive, tre partite molto simili. L’Udinese gioca, crea, contiene, mette in difficoltà gli avversari ma non raccoglie quanto merita, crolla, uscendo dal campo a mani vuote. Milan, Parma e Inter ci hanno detto che questa squadra non è ancora pronta per il salto di qualità, troppi errori davanti alla porta, troppi errori in difesa.

La partita con i nerazzurri si poteva tranquillamente pareggiare e nessuno avrebbe gridato allo scandalo. Assenti Handanovic e Lautaro, Sensi non schierato e con Brozovic e Sanchez entrati solo nella ripresa, la squadra di Conte si è presentata al Friuli con una formazione del tutto normale, seppur schierasse dal primo minuto il nuovo acquisto Eriksen, e con un gioco abbastanza prevedibile e scontato.

A spianare la strada all’Inter dopo un primo tempo terminato sulla zero a zero, questa volta ci ha pensato Nuytinck, che nella ripresa, oltre ad essere stato l’unico della difesa a retrocedere e consentire all’attaccante di entrare in area, nell’uno contro uno con Lukaku ha pensato bene di lasciare le gambe aperte e di girarsi sul piazzato del giocatore belga.

E’ vero che l’olandese ha avuto problemi fisici tutta la settimana ed il suo è stato un recupero lampo e probabilmente qualche scoria a livello mentale gli era rimasta, ma in una situazione del genere non puoi commettere un errore così, quando bastava anche solo un calcetto per provare ad allontanargli la palla, stare fermo o solamente provare a deviare il pallone. Nulla ha potuto Musso alle sue spalle anche per la deviazione che il pallone ha subito.

Anche il portiere argentino ha commesso un’ingenuità su Sanchez, ma si sa che con l’attaccante lanciato a rete è facile trovare l’impatto con le sue gambe se esci a spron battuto cercando di deviargli il pallone.

Ora arriva la trasferta di Brescia, dopo tre buone partite e nessun punto, forse è il caso di ricominciare a giocare meno bene e portare punti a casa.

@Paolo Minotti

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy