Udinese,che peccato! Ma fammi il piacere!

Udinese,che peccato! Ma fammi il piacere!

Il peggior campionato dal ritorno in Serie A, eppure c’è chi riesce ancora a parlare e a dire banalità che anche un bambino davanti a un microfono, se ben istruito dall’alto, direbbe: e c’è chi gli va dietro, basta vedere certi titoli.

di Redazione

Pensate un po’ che c’è chi esclama a gran voce “un vero peccato!”. Ma va là. L’Udinese in 2 partite ha incassato la bellezza di otto gol. Complimenti per i complimenti, anche se qualche benpensante dirà che in fondo a segnarli sono stati la Juve e il Napoli. Peccato che il Bologna la Juve l’ha messa sotto, come ha battuto il Toro (forsennato) all’Olimpico e ora sia a un solo punto dai bianconeri. Era comprensibile dilapidare il “tesoretto” di punti accumulato con le vittorie sofferte e alquanto fortunose contro Chievo e lo stesso Bologna. L’Udinese ha compiuto la missione e ora è quartultima con i felsinei davanti in caso di arrivo a pari punti come differenza reti, l’Empoli e la Spal davanti come punti e come classifica avulsa.

Ma l’Udinese era piena di assenti…Perché le altre squadre non li hanno? E poi, la rosa non era stata costruita in forma spettacolare tanto che in estate qualcuno parlava di dimensione europea di questa squadra? Basta slogan per favore, basta ipocrisie. Serve umiltà e serve, finalmente, calarsi nella parte della compagine che fu un tempo, quando salvarsi era uno scudetto: forse né dirigenti, né allenatore, né società, né gran parte dei tifosi hanno ben chiaro questo concetto riproponendo il vecchio disco arrugginito che una stagione storta può capitare. Peccato che le stagioni storte si susseguono, mentre il Watford (che strano, citiamo sempre lui chissà perché, sarà mica paranoica o voglia di aizzare i tifosi?) incamera utili e se la gioca tranquillamente in premier, oramai il campionato più complicato del mondo.

Spal, Empoli, Udinese e Bologna divisi da una manciata di punti, che praticamente significa alla pari. I bianconeri ora hanno davanti il mese verità che dirà se sono da serie B, come il gioco e la qualità direbbero, oppure se hanno quel quoziente “C” che li aiuterà come negli ultimi anni. Il Genoa, che ha battuto la Juve sarà la prossima avversaria in casa dopo la sosta. C’è già chi fa i calcoli e considera i tre punti fatti, beato lui che è così ottimista o “tomista” come diceva il buon Mondonico quando veniva ripreso da Mai dire Gol. Poi la trasferta a Milano sponda rossonera, ma sì una bazzecola, basta giocare sempre come il primo tempo contro il Napoli…Peccato che sono stati 24 i minuti giocati,  perché prima il Napoli ha segnato due gol poi si è ritirato in meditazione fino alla strigliata di Sior Ancelotti che ha prodotto altre due reti nella ripresa (che potevano anche essere tre). Quindi la finalissima, l’ennesima, in  casa contro l’Empoli che ha dalla cintola in su una gran bella squadra e la difesa da rivedere, ma il ricambio tecnico può aver dato una scossa, poi la Lazio (in piena ripresa fisica e di gioco), la Roma, il Sassuolo, l’Atlanta, tanto per gradire.

Insomma facendo due conti semplicistici ottenere 4-5 punti sarebbe già un gran successo, il che proietterebbe i bianconeri a ben 30 punti! Fantastico, Fantasmagorico! Stupefacente! Il peggior campionato dal ritorno in Serie A, eppure c’è chi riesce ancora a parlare e a dire banalità che anche un bambino davanti a un microfono, se ben istruito dall’alto, direbbe: e c’è chi gli va dietro, basta vedere certi titoli.

Nicola non ha dato identità alla squadra. La rabbia e la paura di retrocedere fanno il resto, come un sistema nervoso che reagisce ai problemi stando sul chi va là: ma se il fisico non risponde a dovere, se non è coordinato con la mente, c’è poco da fare.

L’Udinese intanto incamera gol a go go. Sarà mica per quella fantomatica difesa a tre che da anni è sul banco degli imputati? Chi la vuole? Il Mahatma dall’alto? Così come vuole De Paul e Fofana sempre presenti e Lasagna (l’unico capace di fare gioco offensivo) utilizzato a singhiozzo? Chissà, il Mahatma ha le sue vedute e nessun mortale può giudicarlo, anche perché nessun mortale è procuratore…

Ora: che l’Udinese sia in una situazione drammatica è una fatto. Ora, che qualcuno dica “si deve ripartire dai venti minuti di Napoli” appare ridicolo. Ora:  forse è tempo che la tifoseria metta in atto quello che ha previsto, ovvero uno sciopero del tifo. Ovviamente alla Friulana, senza violenze o chissà che, semplicemente disertando lo stadio, perché le promesse sull’anno prossimo che sarà bellissimo (citando il non ben chiaro Presidente del Consiglio), lasciano il tempo che trovano. Intanto turiamoci il naso e torniamo a calarci nei panni di chi la lotta per la salvezza, non facendo credere di avere una formula uno sapendo di avere una Printz, ma con il realismo tipico di queste parti che, ovviamente, non esiste da tempo, persi come sono in marketing, sponsor, plusvalenze…

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. pedoglos - 3 mesi fa

    Vallo a dire a quelli di Udinese Blog.Blog che già da molto tempo non permette di commentare nulla….potere di Lady G….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy