Mercato Udinese – Bonifazi, il difensore che non disdegna il gol

Nelle 70 presenze tra Serie B e Serie A, il difensore su cui i friulani hanno messo le mani superando la concorrenza di Genoa e Parma, è riuscito a realizzare 7 gol

di Redazione

Nato il 19 maggio ’96, Kevin Bonifazi è un difensore centrale, a suo agio soprattutto nella difesa a tre, che riesce comunque a giostrarsi in tutti i ruoli della retroguardia. Abile nell’impostazione del gioco, forte fisicamente, fa del gioco di testa e degli anticipi le sue armi migliori. Per le sue caratteristiche è stato paragonato a Nikola Maksimovic, anche se lo stesso Bonifazi ha dichiarato di ispirarsi allo spagnolo Sergio Ramos. Nelle 70 presenze tra Serie B e Serie A, il difensore su cui l’Udinese ha messo le mani superando la concorrenza di Genoa e Parma, è riuscito a realizzare 7 gol. 

Cresciuto nelle giovanili del Siena e passato alla Primavera del Torino nel 2014/15, gli addetti ai lavori lo definirono the next big thing, marchio che forse ha finito per creare troppe aspettative e pesare sul rendimento del difensore reatino che con la maglia granata, tra infortuni e scelte tecniche, ha collezionato poche presenze (appena 14), anche se condite da due gol, di cui nella scorsa stagione uno nella vittoria esterna di campionato sull’Atalanta.

Passato in gennaio alla SPAL dove aveva già militato in prestito con ottimi risultati, gli estensi lo hanno riscattato dal Toro per 11 milioni di euro, una cifra esorbitante: da qui la necessità  di trovare una destinazione al giocatore che permettesse loro in futuro di rientrare – almeno in parte – dell’importante spesa effettuata, sfruttando il desiderio di Bonifazi di tornare nel massimo campionato.

Un annus horribilis per il giocatore che poco più di un mese fa rivelò sul proprio profilo Instagram la sua positività al Covid-19: “Volevo comunicare a tutte le persone viste nell’ultimo periodo che, dopo avere fatto i vari controlli, sono risultato positivo al Covid-19, quindi chi deve si faccia controllare per la sicurezza sua e di chi ha vicino!”.

Ma questo è acqua passata e ora lo attende una nuova avventura in bianconero, con Gotti che saprà sicuramente come valorizzare il talento del giovane reatino.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy