Serie A, Udinese uno dei club che dà meno spazio ai giovani, solo il Lecce fa peggio

Il CIES Football Observatory nel suo report settimanale, ha presentato la percentuale di minuti giocati da calciatori sotto i 22 anni di 1.292 club e 93 divisioni principali in tutto il mondo 

di Redazione

Esistono grandi discrepanze tra club e campionati in merito alle opportunità offerte ai giovani giocatori per dimostrare il loro talento.  Il CIES Football Observatory nel suo report settimanale, ha presentato la percentuale di minuti giocati da calciatori U21  di 1.292 club e 93 divisioni principali in tutto il mondo nella stagione 2019 o 2019/20, e comunque nelle partite disputate fino al 1° gennaio 2020.

A livello di campionato, il tempo di gioco dei calciatori ‘U21 va dal 29,0% nella Super Liga slovacca al solo 3,7% nella Pro League saudita e nella turca Süper Lig.  La Serie A si pone al 75° posto a pari punti con la Super League greca.

Considerando i 5 maggiori campionati europei, guidano la classifica i club di Ligue 1 francese che in media hanno schierato calciatori under 21 per il 15% dei minuti giocati. Segue la Bundesliga (9,8), mentre la Premier League è terza (8.5%). La Serie A è quarta a 7.7% e la Liga spagnola chiude a 7%.

A livello di squadra il valore più alto, sempre nelle big-5, è stato misurato per il Lille (32,1%), mentre quattro squadre non hanno schierato giocatori U21 (Levante, Crystal Palace, Union Berlin e Sheffield United).  

E in Italia?

In riferimento ai club di Serie A, la società più verde è il Genoa (19.2%) seguito dal Milan (15,5). Fanalino di coda è il Lecce (0.1%) che segue di poco l’Udinese, penultima, che ha concesso ai giovani solo lo 0,3% dei minuti giocati. 

Tab. CIES Football Obs

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy