Udinese – Cagliari: la storia del match e le quote

Udinese – Cagliari: la storia del match e le quote

Tutta la storia di Udinese – Cagliari raccontata dalla Snai che dà favoriti i sardi per la sfida del Friuli di sabato

di Redazione

I bianconeri e i rossoblu si incontrano per la prima volta nell’ambito di una sfida della Serie A il 7 ottobre 1979, in occasione della quarta giornata di campionato della stagione 1979/80.

Quel primo match tra le due formazioni si gioca ad Udine, nella cornice dello Stadio Friuli.

Sulle prime, sono i rossoblu del commissario tecnico Mario Tiddia ad imporsi, passando in vantaggio al 17′ grazie alla rete segnata da Casagrande. I casteddu riescono a proteggere il risultato fino al 76′, quando i bianconeri di Corrado Orrico guadagnano il punto del pareggio con il calcio di rigore battuto da Delneri. Al termine della sfida, il risultato dalla prima gara di Serie A tra Udinese e Cagliari è di 1 a 1.

Il match di ritorno, giocato il 3 febbraio 1980, si tiene in casa dei cagliaritani, presso lo Stadio Sant’Elia. L’incontro sembra subito volgere a favore dei padroni di casa, quando il bianconero Catellani segna un autogol, regalando un punto agli avversari. Nella ripresa, i casteddu allungano il vantaggio con il gol di Selvaggi al 55′. Pochi minuti più tardi, tuttavia, il bianconero Bressani supera la difesa del portiere del Cagliari Corti, segnando il primo punto del match per l’Udinese. Nonostante gli sforzi dei giocatori dell’allenatore Orrico, il Cagliari segna ancora una volta con Selvaggi al 72′ e la gara termina con un netto 3 a 1 per i rossoblu.

Sono molte le partite degne di note tra le tante giocate dall’Udinese e dal Cagliari in Serie A.

Tra le altre, è possibile ricordare l’incontro del 31 maggio 2009: è l’ultima giornata di campionato e le due formazioni, al termine di una stagione piuttosto positiva, si trovano entrambe a metà classifica.

L’incontro, giocato a Udine, rimane un evento unico nella storia dei match tra le due squadre, perché conta ben 8 diversi marcatori. Quel giorno, infatti, segnano per l’Udinese Asamoah, Pepe, Floro Flores, Pasquale, Quagliarella e Ighalo e, per il Cagliari Acquafresca e Parola. La partita si conclude così sul 6 a 2 per i padroni di casa.

Tra le vittorie più schiaccianti dei bianconeri friulani sui rossoblu, negli ultimi anni, c’è quella per 4 reti a 0 che l’Udinese si aggiudica nel match giocato a Cagliari il 13 marzo 2011.

I friulani, guidati dall’allenatore Francesco Guidolin travolgono i casteddu di Roberto Donadoni, con i gol di Benatia e Sanchez a pochi minuti dalla conclusione del primo tempo e con la doppietta di Di Natale che segna al 48′ e al 54′.

Nella stagione 2013/14, è il Cagliari di Diego Lopez a sopraffare gli avversari bianconeri nella cornice domestica dello Stadio Sant’Elia. Ibarbo, Vecino e Ibraimi firmano i gol del 3 a 0 facendo ottenere ai casteddu una delle vittorie più larghe di sempre sugli udinesi.

A pochi giorni dalla fine del 2018, Udinese e Cagliari si affrontano a Udine nella sfida valevole per la diciannovesima giornata di Serie A 2018/19. L’Udinese torna a segnare più di una rete in casa, come non le accadeva da un po’.

Primo tempo da brividi a Udine, dove Larsen tenta un tiro in porta al 17′ ma viene respinto da Cragno con i pugni. Dieci minuti dopo arriva la risposta di Musso ad un tentativo di testa di Cerri, ispirato da Pedro.

Il vantaggio dei friulani sembra il risultato della grinta di Opoku, che conquista una palla trasformata in assist da Larsen e cambia gioco, con Pussetto che anticipa Srna e scarica in porta con un sinistro in diagonale. Un vantaggio più che meritato dall’Udinese.

A cinque minuti dall’inizio del secondo tempo, Pussetto ruba la palla a Ceppitelli, vola verso la porta, ma viene messo ko dal difensore rossoblù. Rosso per Ceppitelli, nessun gol per Lasagna, che intanto aveva segnato giungendo da dietro, ma il fischio dell’arbitro era antecedente alla conclusione.

Cagliari in 10 uomini: passano dieci minuti e la formazione sarda crolla, con Pussetto che, spalle alla porta, serve Behrami che finalizza in porta. Per un fallo di Mandragora su Cerri viene ripristinata la parità numerica in campo. Nulla cambia, anzi, i friulani sfiorano il tris di gol in un paio di occasioni, ma la partita termina 2-0 per l’Udinese con Pussetto show.

Nel match di ritorno, disputato nella Sardegna Arena, è sempre l’Udinese a chiudere in bellezza con la terza vittoria in trasferta. I friulani espugnano l’arena sarda per 2-1, con due reti realizzate nella seconda frazione di gioco, ribaltando l’iniziale vantaggio di Pavoletti.

Una sfida che fatica a partire quella tra Udinese e Cagliari sul campo della Sardegna Arena. Pavoletti sblocca la gara con un colpo di testa dopo circa un quarto d’ora di gioco. Dopo i primi quaranta minuti, il Cagliari inizia a difendersi dalle azioni offensive avversarie, con Cragno che salva con i piedi un tentativo di D’Alessandro.

L’Udinese si fa sempre più pericolosa e, nella ripresa, conquista il pareggio con Pussetto, ma il gol viene annullato per fuorigioco. L’1 a 1 arriva al 60′, quando Hallfredsson sbaglia il cross dal limite sinistro e sorprende Cragno nell’angolo opposto. Al 69′, De Maio raddoppia per i friulani: sugli sviluppi di una punizione dal limite di sinistra, il francese infila di testa nella porta di Cragno.

La reazione Cagliari si fa evidente nel finale di partita, quando Joao Pedro spreca un rigore in movimento scagliando la palla sul fondo. La partita termina 1-2 per gli ospiti.

In Coppa Italia le due squadre si fronteggiano per la prima volta nel corso della stagione 1992/93.

L’incontro di andata, giocato il 26 agosto 1992, si tiene al Sant’Elia e vede la vittoria dei padroni di casa per 2 a 0. Con il pareggio per 4 a 4 dell’incontro di ritorno del 2 settembre 1992, i rossoblu si aggiudicano il passaggio al turno successivo. I casteddu, tuttavia, saranno eliminati nei successivi sedicesimi di finale dal Milan. (Fonte Snai)

le quote snai

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy