MUD
I migliori video scelti dal nostro canale

news calcio

Notizie Fiorentina – Commisso: ”Io e Gattuso molto simili. Il suo arrivo…”

Rocco Commisso

Il presidente della Fiorentina, intervenuto ai microfoni di Radio Bruno, ha toccato diversi argomenti attuali riguardanti la Viola

Redazione

Per tornare grande la Fiorentina ha scelto Gennaro Gattuso. I tifosi viola hanno molto apprezzato la scelta di Commisso, ma ora si aspettano anche un grande calciomercato. Proprio il presidente italo-americano, intervenuto ai microfoni di Radio Bruno, ha speso belle parole per il tecnico che sostituirà Iachini. Queste le sue dichiarazioni.

Gattuso

Per prima cosa voglio dire grazie a tutti gli allenatori che abbiamo avuto: Montella era campano, Iachini delle Marche, Prandelli della Lombardia e ora Gattuso che è calabrese. Credo che sia stata un'ottima mossa l’ingaggio di Gattuso come allenatore. Io con lui ho messo la mia parola, ma ringrazio Barone, Pradè e mio figlio Giuseppe che hanno fatto un grande lavoro per convincere il mister a venire a Firenze. Quello che ha fatto Gattuso è molto simile a quello che ho fatto io nella mia vita. Gattuso, oltre a essere un bravissimo allenatore è una grandissima persona, molto umile che ogni tanto si arrabbia come faccio io e questo mi piace molto. Allo stesso tempo, lui sa che quando inizieranno le critiche io lo difenderò sempre. Nel 2006 vedevo Gattuso vincere il Mondiale con la Nazionale, ora è il mio allenatore. Mi ricorda molto come giocavo io. Ho parlato con Rino oggi, è rimasto molto colpito dalla grandezza e dalla bellezza del futuro Viola Park. Speriamo si possa completare in un anno e mezzo. Tutti i tifosi viola vogliono rivedere la Fiorentina nei posti dove merita”.

Voglia di calcio

Ho molta voglia di calcio. Oggi ho visto la Primavera. I ragazzi hanno giocato molto bene contro una squadra forte, però è arrivata una sconfitta. La Juve ha fatto un tiro in porta e ha vinto. Spero si possa fare meglio. Sono molto contento che ci sono stati i tifosi allo stadio a seguirli. Dalla televisione si sentiva un bel casino”.