senza categoria

Udinese – Le parole di Cioffi alla vigilia: “Il Tucu Pereyra…”

Il team bianconero si prepara al prossimo incontro di campionato. Stiamo parlando di una situazione difficile e bisognerà dare il massimo

Redazione

Il tecnico bianconero ha detto la sua alla viglia dell'incontro tra l'Udinese e i campioni d'Italia in carica. Si sta parlando di una partita che potrebbe essere decisiva sotto diversi aspetti. Le due squadre sono pronte per dare il massimo e vogliono a tutti i costi portarsi a casa i tre punti. Da una parte c'è il team di Simone Inzaghi che vuole restare in piena lotta per lo scudetto e dall'altra la società di guidata da mister Cioffi che potrebbe fare lo sgambetto decisivo proprio nella corsa verso il tricolore. Intanto non perdiamoci i dettagli e soprattutto le parole in conferenza del toscano. Ecco tutto quello che c'è da sapere. Le dichiarazioni del mister.

I campioni d'Italia

"L'asticella si alza di parecchio, da una corsa ad ostacoli si cambia proprio sport e si passa ad una gara di salto in alto. Affrontiamo i Campioni d'Italia che lavorano insieme dal 2019. Ci arriviamo emozionati, ambizioni e mentalizzati. Emozionati perché gare come questa generano emozioni visto che ci aspettiamo di giocare in una Dacia Arena piena, ambiziosi perché credo che un giocatore debba sognare sempre l'impresa e mentalizzati perché sappiamo che sarà una partita di fatica, sofferenza e sacrificio".

Non si conclude qua la conferenza. Il tecnico ha detto la sua su un componente fondamentale del team.

L'argentino ci sarà?

"Il Tucu è sempre pronto. Per quanto riguarda Makengo è un peccato perché è in un momento di forma strepitoso ma sono convinto che lo sarà fino a fine stagione. E' un valore aggiunto. Adesso valuteremo quale sarà la miglior soluzione per sostituirlo".

Arrivano delle piccole certezze in vista di domani pomeriggio. Proprio il componente più importante del centrocampo potrebbe far il suo ritorno al centro del team. Intanto non perderti tutte le ultime proprio sulla partita di domenica. La Gazzetta frena tutti gli entusiasmi <<<