Stadio Friuli, la cittadella rimane in divenire

Stadio Friuli, la cittadella rimane in divenire

“Ma adesso non c’è nulla di cui discutere poiché è in corso un’indagine da parte dell’Anac e, fino a quando non sarà conclusa, il progetto resterà in stand-by”

di Redazione

L’anticorruzione sta vagliando il progetto della cittadella presente nel progetto dello Stadio Friuli. Oggi un nuovo capitolo come riportato dal Messaggero Veneto. La nuova convenzione sottoscritta con l’Udinese dovrà passare al vaglio del Consiglio comunale». Ad assicurarlo è il consigliere Giovanni Govetto, presidente della commissione Territorio e ambiente, convocata martedì proprio per discutere della cittadella dello sport. «Le modifiche migliorative apportate al documento – spiega Govetto al Messaggero Veneto -, secondo i nostri uffici, sono tali da modificare il contenuto dello stesso che quindi dovrà di nuovo essere valutato dall’assemblea cittadina».

Tempi che si allungano inevitabilmente e progetto che rimane in stand by. L’indagine dell’Anac dovrebbe concludersi nell’arco di sei mesi e la necessità di un nuovo passaggio in consiglio targato oggi Lega (in passato molto critica sul progetto) è inevitabile che allunghi i tempi con un finale non scritto.

«Nessuno ha cambiato idea quindi – assicura Michelini sempre al quotidiano-. Quando a gennaio del 2018 abbiamo abbandonato l’aula non partecipando alla votazione della delibera che ha avviato l’iter, lo abbiamo fatto perché non avevamo elementi sufficienti per valutare il progetto. Non ci era stata spiegata la natura giuridica di questo secondo intervento. Poi, dopo che è stato riconosciuto con quella delibera l’interesse pubblico a procedere, ci siamo trovati, una volta eletti, a dover portare avanti un progetto per il quale il Comune si era già assunto degli impegni precisi nei confronti di un privato. Abbiamo invece lavorato con senso di responsabilità cercando di migliorare nell’interesse dei cittadini i contenuti di quella convenzione inserendo l’obbligo della realizzazione dell’asilo e della piscina. L’opposizione dice che erano già previsti, certo, ma se non ci sono prescrizioni e penali è difficile far rispettare un impegno. Nel nuovo testo invece gli accordi sono chiari così come è chiaro che non ci saranno centri commerciali all’interno dello stadio. Ma adesso non c’è nulla di cui discutere poiché è in corso un’indagine da parte dell’Anac e, fino a quando non sarà conclusa, il progetto resterà in stand-by».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy