Euro U21: l’Italia resta appesa a un filo

Euro U21: l’Italia resta appesa a un filo

Bastava una vittoria con tre gol di scarto della Danimarca sulla Serbia già eliminata o un  risultato analogo dell’Austria contro la Germania e gli azzurrini avrebbero guardato l’Europeo dalla poltrona di casa. Invece, per ora, l’Italia di Di Biagio è ancora in corsa

di Redazione

Bastava una vittoria con tre gol di scarto della Danimarca sulla Serbia già eliminata o un  risultato analogo dell’Austria contro la Germania e gli azzurrini avrebbero guardato l’Europeo dalla poltrona di casa. Invece, per ora, l’Italia di Di Biagio è ancora in corsa.

Germania-Austria 1-1  Non sono tante le emozioni sul campo del Friuli che vede Luca Waldschmidt confermarsi capocannoniere del torneo – a quota cinque – con un sinistro quasi da fermo da 25 metri. L’Austria pareggia 10 minuti dopo con Danso su rigore, dopo un’uscita con il ginocchio, considerato dall’arbitro troppo alto, di Nübel su Kalajdzic. La Germania si accontenta del pari e i ritmi calano. La classifica premia comunque i teutonici con il passaggio di turno in semifinale assieme alla Spagna.

Danimarca-Serbia 2-0  I danesi sbloccano al 21′ con una rete di Bruun Larsen, su assist di Maehle. Nel secondo tempo, al 51′, Rasmussen raddoppia con un tiro centrale. L’Italia si vede già spacciata quando al 57′  Billing segna la rete che avrebbe decretato l’uscita degli azzurrini dalla competizione, ma l’arbitro annulla per fuorigioco e si riprende a respirare. Per poco però, perché i novanta minuti di Francia-Romania saranno da trascorrere tutti in apnea.

Ora gli azzurrini devono sperare in due possibili risultati: o la vittoria della Romania (la Francia sarebbe seconda con sei punti e con una differenza reti peggiore degli azzurrini) o il successo dei francesi con almeno tre gol di scarto (la Romania chiuderebbe al secondo posto con sei punti e con una differenza reti peggiore dell’Italia).

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy