news calcio

Euro2020, l’Italia fa sognare anche Lippi: “Come quando vincemmo i Mondiali”

Euro2020, l’Italia fa sognare anche Lippi: “Come quando vincemmo i Mondiali”

La vittoria dell'Italia contro la Turchia ha continuato a generare entusiasmo tra gli azzurri. L'ex Lippi, ad esempio, ha buone sensazioni

Redazione

Buona prova della Nazionale azzurra contro la Turchia nel match d'esordio di Euro2020. Grazie all'autogoal di Merih Demiral, alla rete di Ciro Immobile e al definitivo 3-0 di Lorenzo Insigne, l'Italia ha messo via la sua prima vittoria nel torno. Facendolo, tra l'altro, sotto il proprio pubblico di casa. Lo Stadio Olimpico di Roma, infatti, è tornato ad ospitare circa 20 mila persone dopo veramente troppo tempo. In attesa di conoscere la situazione legata allo stadio dell'Udinese, l'augurio è di poter tornare a vedere sugli spalti i tifosi di ogni club. La vittoria della Nazionale, comunque, ha continuato a dare quell'entusiasmo che fino a poco tempo fa sembrava smarrito. Intervenuto ai microfoni di La7, l'ex CT Marcello Lippi ha detto che questa squadra, allenata da Roberto Mancini, gli ricorda molto quella sua che nel 2006 vinse i Mondiali:

"Lo spirito e la voglia di essere protagonisti sembrano gli stessi della mia Nazionale. Una squadra dove tutti mettono le loro qualità a disposizione dei compagni. Nessuno si sente un fenomeno e perciò superiore agli altri. Mi ha fatto una bella impressione questa Italia. Li seguo ormai già da un paio di anni, praticamente da quando Mancini è diventato il commissario tecnico azzurro. Ha il merito di essere riuscito a costruire un gruppo importante composto da giocatori che ci credono e che sono contento di farne parte. Il loro calcio è propositivo, proprio come dovrebbe essere a certi livelli. Penso che una Nazionale con questo spirito sia avvantaggiata. Spesso le nazionali rispecchiano un po' il calcio del loro Paese e, visto che in Serie A sono pochi i club che vanno avanti in Europa, sono rimasto positivamente colpito. La Turchia può sembrare un avversario inferiore ma non è la verità. Siamo stati bravi noi a far sembrare che fosse così. La partenza degli azzurri è stata positiva e non può che farci sperare in un buon prosieguo".