udinese

Udinese, De Paul e Musso: niente sconti, parola di Pierpaolo Marino

Pierpaolo Marino d.t. dell'Udinese

Il direttore tecnico dell'Udinese, Pierpaolo Marino, ha parlato del futuro di Juan Musso e Rodrigo De Paul. Ecco le sue parole

Redazione

UDINE - Il futuro di Rodrigo De Paul e Juan Musso è sempre al centro della attenzioni delle cronache sportive. Le indiscrezioni sui due calciatori dell'Udinese continuano ad arrivare e le notizie su possibili trattative sono sempre all'ordine del giorno. Avevamo riportato del costo dei due cartellini, fatti dalla società. Trenta milioni di euro per l'estremo difensore, 40 invece per il numero dieci dei bianconeri. Cifre alte che forse potrebbero spaventare i club alla finestra per i due. Alla diverse sono diverse le squadre. Juan Musso piace da tempo all'Inter, che ha messo nel mirino il giocatore per sostituire SamirHandanovic. Non solo i nerazzurri, anche la Roma è sull'argentino, la squadra giallorossa cerca un portiere, dato che non è contenta di né Pau Lopez, né tanto meno di Mirante.

De Paul e le sue pretendenti

Per Rodrigo De Paul invece c'è proprio la fila. Il numero dieci è seguito da tempo dall'Inter, ma i nerazzurri non hanno ancora affondato il colpo. Poi c'è la Juventus, l'argentino piace molto a Pirlo, così come ha acceso anche le fantasie del Napoli. Non piace soltanto in Italia, il calciatore ha ovviamente estimatori in Europa. In prima fila c'è il Liverpool di JurgenKlopp, poi il Paris Saint-Germain di Mauricio Pochettino, oltre al Leeds di Marcelo Bielsa. In estate però le squadre potrebbero aumentare. Ma tutte dovranno essere disposte a mettere mano al portafogli, lo avevamo già scritto per mettere le mani su Rodrigo De Paul serviranno 40 milioni di euro. Come confermato anche da Pierpaolo Marino.

Le parole di Pierpaolo Marino

Il direttore tecnico dell'Udinese è stato intervistato da Radio Marte, ecco che cosa ha detto il dirigente della società friulana: "Musso e De Paul? Ci vogliono tanti soldi, però voglio puntualizzare che non stiamo cercando squadre per i nostri calciatori. Non li dobbiamo certo pubblicizzare, poi se devo fare un discorso da egoista, se riescono a mettersi in mostra per me è meglio".

Potresti esserti perso