Watford, Sanchez Flores: “Squadra migliore di 4 anni fa, ma serve più consapevolezza”

Watford, Sanchez Flores: “Squadra migliore di 4 anni fa, ma serve più consapevolezza”

Il tecnico del Watford Sanchez Flores ha parlato alla vigilia del match in Premier contro il Chelsea

di Redazione

Dopo il ko contro l’Everton in Carabao Cup, il Watford si rituffa sulla Premier League. Oggi alle ore 18:30 i calabroni affronteranno il Chelsea, quarta forza del campionato inglese. Il Watford sempre più ultimo in classifica deve cercare di smuoversi dai miseri 5 punti accumulati sino ad oggi. Il tecnico del Watford Sanchez Flores ha parlato alla vigilia del match del Vicarage Road. Queste le sue parole: “E’ una squadra completamente diversa da 4 anni fa. Le cose più importante nel calcio in questo momento sono: l’umore e lo spirito. Sono più importanti della tecnica, delle abilità e di tutto e ciò che ho trovato quattro anni fa, quando la squadra era piena di fiducia perché si era appena raggiunta una promozione, si sentivano completamente felici, coraggiosi, senza timori di nulla, quindi era perfetto. Ora abbiamo probabilmente una squadra migliore, ma con paure e timori, inconsapevoli del loro potenziale, quindi è molto diverso“.

Dobbiamo accettare queste situazioni. Stiamo lavorando per cambiare, e quando sarà così le cose cambieranno. È difficile perché è come credere in qualcosa che non puoi vedere, ma è la fede“.

Sugli infortuni: “Questo è difficile, è difficile perdere un soldato in ogni singola partita. Non hai idea di quanti membri stiano lavorando nello staff del club. Non nel mio staff, non hai idea di quanti membri ci siano tra giocatori, fisioterapisti, dottori e allenatori non è più come 10-15 anni fa“.Sui problemi fisici bisogna incontrarsi e valutare insieme“. È davvero strano, ma l‘unica cosa che posso dire è che, nella mia esperienza quando i giocatori giocano con questo tipo di pressione, pressione extra, i muscoli non rispondono allo stesso modo, e il cervello non lo fa non rispondere allo stesso modo“. Che il cervello non risponde nello stesso modo in cui lo sappiamo perfettamente e possiamo vedere ogni singola settimana, ma anche i muscoli non rispondono allo stesso modo. Possono sentirsi più stanchi, possono sentirsi più tesi e i muscoli rispondono in modo diverso. Non è una scusa, è il calcio”Non sono responsabile di ciò che è accaduto prima. Posso essere responsabile di quello che è successo nell’ultimo mese e mezzo, ma non di quello che è successo prima“.

Poi ha proseguito: “Dobbiamo prendere le buone notizie e le cose positive anche nei brutti momenti in cui ci troviamo adesso“. Ad esempio, con Gray quello che possiamo pensare è che l’ultimo anno è stato importante per la squadra, quindi in questo momento se non stiamo parlando di Sarr, non è rimasto qui l’anno scorso, non era qui Anche Welbeck, quindi abbiamo gli stessi attaccanti dell’anno scorso, tranne Deeney“.

Abbiamo Gray, abbiamo Deulofeu, abbiamo Pereyra, quindi preferisco non lamentarmi, non creare scuse e cose del genere. L’anno scorso la squadra ha avuto quattro attaccanti, ora ne abbiamo tre, quindi dobbiamo solo lavorare. È l’unica cosa che dobbiamo provare, nessuna scusa per i giocatori o altro. Se hanno fatto bene la scorsa stagione, abbiamo motivi per pensare che in questa stagione possano ritrovare le buone prestazioni“.

 

Ci vuole pazienza: “È dura. Più mentalmente perché hai molte cose nel tuo cervello. Hai molte idee, hai molti pensieri, ma bisogna passare molto tempo a cercare di aiutare i giocatori mentalmente, pensando più al loro umore“. Devi passare molto tempo per questo e devi, a poco a poco, pensare alle tecniche e alle tattiche, ma a volte non puoi mettere tutto nel cestino in questo momento. Le grandi responsabilità che devono assumersi, ma non puoi darne molte, o più di quanto possano sostenere. È impossibile. Ecco perché bisogna usare l’esperienza a poco a poco.

Mi piacerebbe molto che tifosi potessero vedere un cambiamento in due settimane. Sto lavorando per qualcosa di più stabile, qualcosa di più di una base, qualcosa di più grande e sulla strada per trovare questo, abbiamo perso alcune partite. Stiamo cercando di preparare una buona squadra, per pter vincere e ritrovare la fiducia e il calore dei tifosi, sono queste le cose di cui abbiamo bisogno“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy