Udinese – Pordenone: sei i dualismi che hanno fatto arrabbiare Lovisa

Udinese – Pordenone: sei i dualismi che hanno fatto arrabbiare Lovisa

Anche questa volta il pasticcio è servito ed entrambe le massime squadre Friulane sono penalizzate.

di Redazione

Il Presidente Lovisa è furioso per la compilazione dei calendari di Serie B che vedono il suo Pordenone dover far fronte alla concomitanza in casa delle gare con  l’Udinese, visto che i Ramarri giocheranno al ‘Friuli’: per l’esattezza si tratta del 24 e il 25 agosto Pordenone-Forsinone e Udinese-Milan, il 7 e l’8 dicembre Pordenone-Crotone e Udinese-Napoli, il 21 e 22 dicembre Pordenone-Ascoli e Udinese-Cagliari, il 14 e il 15 marzo Pordenone-Venezia e Udinese-Atalanta, il 4 e il 5 aprile Pordenone-Entella e Udinese-Genoa, il 18 e il 19 aprile Pordenone-Pisa e Udinese-Samp.

Anche l’Udinese non è ovviamente contenta. Basti pensare alle ripercussioni sulle operazioni di sicurezza che vedono impegnate anche le forze dell’ordine, oppure anche a banali questioni di campo: come sarà il manto del ‘Friuli’ per chi giocherà dopo? Anche questa volta il pasticcio è servito ed entrambe le massime squadre Friulane sono penalizzate. «Ci appelliamo alla sensibilità delle due Leghe, di A e B, affinché venga salvaguardato lo spettacolo, mettendo la distanza maggiore possibile tra i due eventi concomitanti – dice il direttore generale bianconero Franco Collavino al Messaggero Veneto -. Tanto l’Udinese quanto il Pordenone hanno inoltrato per tempo la richiesta di un’alternanza, perché non ci fosse una programmazione nello stesso week-end delle partite di entrambe, ma sapevamo che poteva accadere quanto poi è successo. Il match del Pordenone  dovrebbe essere posticipato al lunedì sera, anche se non c’è ancora l’ufficialità. Per quanto riguarda i prossimi week-end di concomitanza, invece, dovremo attendere la fine di agosto per conoscere date e orari, che saranno decisi a valle dei sorteggi per l’Europa League e la Champions. Abbiamo comunque già ricevuto rassicurazioni dalle due Leghe»

«Era impossibile da evitare». Questo dice la Lega serie B come riporta sempre quotidiano. «Le concomitanze ci sono e si sono sempre state – spiega la Lega della serie cadetta -, erano presenti quando giocavano Carpi e Modena nello stesso stadio e succede anche al Bentegodi di Verona tra Chievo ed Hellas, che dividono l’impianto nello stesso week-end per quattro volte in questa stagione (il 23 novembre, il 14 dicembre, l’8 e il 22 marzo, ndr). Era inevitabile che accadesse anche a Udine, dove il doppio impiego dell’impianto è una novità di quest’anno. Il computer che effettua il sorteggio si scervella per trovare soluzioni possibili, però c’è un disallineamento tra la serie A e la serie B che non rende sempre possibile accontentare le società: cerca di limitare le concomitanze, ma non può escluderle. La cosa viene quindi verrà gestita anche questa volta con gli anticipi e i posticipi, in maniera che ci siano almeno 24 ore tra le due partite in programma».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy